La Testimonianza 0

Amichai Greenberg cerca La Testimonianza contro il silenzio

Presentato nelle sezione Orizzonti alla 74. Mostra Internazionale del Cinema di Venezia, esce nelle sale italiane giovedì 25 gennaio 2018, in occasione del Giorno della Memoria del 27 gennaio, La Testimonianza, il film del regista israeliano Amichai Greenberg che racconta la strenua ricerca della verità da parte di un famigliare di sopravvissuti alla Shoah.


Yoel, un ricercatore che studia la Shoah, è nel mezzo di una battaglia legale, ampiamente ripresa dai media, contro interessi potenti in Austria. La questione riguarda un brutale massacro di ebrei che ebbe luogo verso la fine della Seconda guerra mondiale nel villaggio di Lendsdorf. Un’influente famiglia di industriali, sulle cui terre avvenne la strage, sta progettando di costruire un complesso immobiliare proprio in quel luogo. Yoel sospetta che il loro scopo sia quello di insabbiare il caso per sempre, ma ha difficoltà a trovare le prove definitive per fermare il progetto.

Mentre svolge le sue ricerche sull’incidente, Yoel esamina testimonianze secretate di sopravvissuti alla Shoah e, scioccato e sorpreso, ritrova una testimonianza resa dalla madre, di cui non sospettava l’esistenza. In essa, la donna confessa un fondamentale segreto del proprio passato. Yoel, che sta svolgendo una doppia ricerca, personale e scientifica, è intrappolato tra muri di silenzio. Da storico incrollabilmente dedito alla verità, decide di continuare le ricerche anche a costo di rovinare la propria vita personale e professionale.

La Testimonianza 1

Ha detto il regista Amichai Greenberg: “sono stato cresciuto con la consapevolezza che essere un ebreo osservante, nonché il figlio e nipote di sopravvissuti alla Shoah, rappresentasse le radici della mia esistenza, la vera essenza della mia identità: qualcosa di più grande di me e della vita stessa. Da bambino ero incantato dalle storie dei miei nonni sulla Shoah. Sono cresciuto tra storie eroiche, incredibili, in cui la vita e la morte erano separate da una linea sottile. Per me erano le migliori storie d’avventura che ci fossero. Ma la mia vita di tutti i giorni contrastava con questo dramma. Figlio di sopravvissuti della Shoah, sono cresciuto in una famiglia priva di emozioni, dove sentivo che mancava sempre qualcosa. Qualcosa di sfuggente, che rimaneva innominato. Questo enorme abisso mi ha lasciato senza parole.

“Il copione del film rappresenta il mio sforzo per penetrare attraverso i muri trasparenti del silenzio”.

Amichai Greenberg