(foto di Giovanni De Sandre)

Angela Finocchiaro guida in teatro le Calendar Girls

(foto di Giovanni De Sandre)

Dal 26 al 28 febbraio, arriva al Teatro Fraschini di Pavia la versione teatrale italiana di un film di successo: Calendar Girls. Tratto da una storia realmente accaduta in Inghilterra, lo spettacolo vede protagonista un gruppo di attrici affiatate, in testa alle quali spiccano Angela Finocchiaro e Laura Curino.


A consacrare questa storia vera c’è voluto il film di Nigel Cole (2003), con protagoniste Helen Mirren, Julie Walters e Linda Basset. Dalla sua sceneggiatura, nel 2008 Tim Firth ne ha ricavato la pièce teatrale che, come nella migliore tradizione anglosassone, essendo un successo, è rimasta in scena per lungo tempo in Gran Bretagna. Lo spettacolo di Cristina Pezzoli ne consacra il primo adattamento italiano (curato da Stefania Bertola) che, in linea con le indicazioni dello scrittore, è accompagnato da iniziative benefiche a favore dell’Ail (Associazione Italiana contro le leucemie, i linfomi e il mieloma).

La vicenda è realmente accaduta nel Regno Unito, dove, più facilmente che altrove, un formidabile humor polverizza il conformismo borghese, se c’è una causa importante da sostenere: ecco dunque che un gruppo di signore di età differenti, appartenenti all’associazione Women’s Institute di matrice parrocchiale, decide di raccogliere i fondi per l’ospedale in cui è morto di leucemia il marito di Annie.

Le "Calendar Girls" (foto © Giovanni De Sandre)

Le “Calendar Girls” (foto © Giovanni De Sandre)

A Chris (Angela Finocchiaro) che fa la fiorista verrà l’idea vincente: fare un calendario in cui saranno loro, le amiche Jessie, Ruth, Celia e Cora, a posare senza veli mentre sono impegnate in attività domestiche, come fare la maglia, impastare dolci o creare composizioni floreali.

Le attrici italiane si sono buttate in questa avventura con una buona dose di divertimento e autoironia: Laura Curino interpreta Annie, la donna che resta vedova. Anche lei non si sottrae allo strip come tutte le sue audaci colleghe, unendo al sano divertimento la voglia di condividere con le signore inglesi un gesto eclatante, finalizzato ad uno scopo meritevole che dimostra al pubblico che le differenti stagioni della vita devono essere vissute con forza e determinazione: così infatti si sono raccolti più di 2 milioni di sterline per la ricerca sulla leucemia in favore della maggiore onlus inglese.

Laura Curino (foto _© Giovanni De Sandre)

Laura Curino (foto _© Giovanni De Sandre)

Calendar Girls concilia tragico e comico; a partire da un fatto doloroso nasce il desiderio di un atto di solidarietà che spiazza tutti. Cristina Pezzoli punta a un cast molto ben costruito che non si dimentica, portando all’attenzione generale il fulcro della storia, ovvero la ribellione delle casalinghe che si riconoscono ancora belle e seducenti, prediligendo così un lavoro di gruppo quasi totalmente al femminile.