Surf 1

CAMERABOOK – Surf, 40 anni dopo Un Mercoledì Da Leoni

SURF esecutivo completo_AOG_LTC1_AOG.inddPubblicato da Mondadori Electa (lo trovi QUI) in occasione del quarantesimo compleanno di Un Mercoledì Da Leoni – il film di John Milius che narra la transizione tra la golden age e la silver age del surf – è disponibile in libreria Surf – Un Mercoledì Da Leoni 40 Anni Dopo, un testo che rende omaggio a un’opera che ha influito radicalmente sull’immaginario collettivo. Com’è riuscita questa pellicola ad appassionare al surf intere generazioni, dalla sua comparsa nelle sale fino ai giorni nostri? Come ha influenzato la musica, il costume e molteplici aspetti della società tra cui perfino la moda? Esempio ne è Bear, il celebre brand di abbigliamento tecnico e tavole da surf nasce proprio nella finzione del film e diviene una azienda reale sull’onda del successo riscontrato dalla pellicola. Queste sono alcune delle domande attraverso cui Francesco Aldo Fiorentino e Tommaso Lavizzari, surfer il primo, giornalista di sport il secondo, interrogano un film unico, ricco di metafore, di riferimenti e citazioni, un racconto così coinvolgente ed empatico da essere ormai entrato nella storia del grande cinema. L’amicizia, i doveri, la maturità, ma anche le vicende di chi va e chi resta, il trauma della separazione e la chiamata alla leva sono solo alcuni degli aspetti narrati. La guerra del Vietnam, che irrompe drammaticamente nella vita dei protagonisti, così come la droga e il nascere di movimenti pacifisti che coinvolsero le generazioni a cavallo tra gli anni Sessanta e Settanta negli USA e nel mondo saranno l’inizio di drastici cambiamenti individuali e sociali.

"Un Mercoledì da Leoni"

“Un Mercoledì da Leoni”

Non è un caso che la fama di Un Mercoledì Da Leoni sia sopravvissuta a quattro decenni di storia, restando un punto di riferimento per chi ha amato e ama la filosofia del surf, che non ha mai tradito se stessa. Completano il volume i testi introduttivi di Andrea Scarpa, Alberto Traversi, Alessandro Demartini e Camilla Michetti.

“Si cavalcavano onde altissime. Si compivano imprese eroiche e di destrezza incredibile. Si cementavano caratteri. A diciotto anni non eravamo ribelli per frustrazione, ma per arroganza. Eravamo dei re”.

John Milius