©-ph-Mario-Orfini

Caterina Caselli, le cento vite di un’artista controcorrente

©-ph-Mario-Orfini

Presentato in anteprima come Evento Speciale alla XVI edizione della Festa del Cinema di Roma, solo dal 13 al 15 dicembre arriva nelle sale Caterina Caselli – Una Vita, Cento Vite, il documentario scritto e diretto da Renato De Maria, il racconto inedito di una delle più importanti figure della cultura del nostro Paese: Caterina Caselli.

Il documentario

Una Vita, Cento Vite è il racconto in prima persona di Caterina Caselli che si svela in un dialogo intenso e serrato tratteggiando la figura di una donna che ha fatto della sua passione per la musica la vocazione di un’intera vita. Alternando aneddoti intimi a testimonianze pubbliche, ne emerge il ritratto di una donna che ha attraversato il tempo e spesso lo ha anticipato, attraverso un percorso esistenziale coraggioso, controcorrente, e una vita che non sempre è stata facile: da artista rivoluzionaria negli anni ’60 a imprenditrice che ha saputo portare la musica italiana nel mondo. Andrea Bocelli, Elisa, i Negramaro, Ennio Morricone sono solo alcuni dei nomi citati nel documentario, accanto alle straordinarie partecipazioni di Francesco Guccini, Paolo Conte, Liliana Caselli, Mauro Malavasi, Giorgio Moroder, Stefano Senardi, Filippo Sugar. Il cospicuo materiale di repertorio e di canzoni che fa da corredo al film rende il lavoro di De Maria un documentario che apre una finestra sul mondo della cultura italiana, dagli anni della Beat generation ad oggi.

Caterina Caselli

Renato De Maria racconta…

Quando ho incontrato per la prima volta Caterina Caselli ho capito subito che quello che mi interessava era catturare la sua energia vitale. Ho deciso allora di mettere la macchina da presa su di lei e lasciare il suo racconto orale, sincero, emozionato e vitale, rompere la barriera della nostra attenzione, per arrivare a noi con il massimo possibile di verità. Intorno a lei, grazie a una ricerca profonda nei materiali d’archivio, ci sono paesaggi che cambiano, scenari in continua evoluzione. L’Italia che si trasforma, e che cresce“.