Colomba Legend 0

Colomba Legend, il ritorno western di Vito Colomba

Trent’anni dopo l’uscita di Quattro Carogne a Malopasso, giovedì 5 dicembre, distribuito da Ahora!Film, esce nelle sale Colomba Legend, il secondo film western diretto da Vito Colomba. A comporre il cast sono: Maurizio Bologna, Alessandro Spada, Gioacchino Poma, Francesco Capizzi, Roberta Tranchina, Vito Colomba, Francesco Russo, Daniele D’Angelo, Maurilio Savona, Fabio Vario, Francesca Colomba, Diego Gueci e Enzo Campisi.

Il film

La storia di Colomba Legend si sviluppa esattamente vent’anni dopo le vicende di Quattro Carogne a Malopasso, il film western girato in piena autonomia da Vito Colomba nel periodo a cavallo tra gli anni Ottanta e Novanta, che vede protagonisti i figli degli storici personaggi, Parker e Nelson. Dopo le malefatte del bandito Parker (Daniele D’Angelo), i cittadini di Custon City si vedono costretti a fronteggiare una nuova minaccia: tre banditi mascherati che compiono crimini a ripetizione terrorizzando l’intera città. Bill Nelson Junior (Francesco Russo), ossessionato dalla morte del padre, è convinto che i responsabili siano proprio i quattro figli di Parker, tre maschi e una femmina, abbandonati vent’anni prima, il giorno della loro nascita, davanti ad un convento di frati. Non soddisfatto dell’operato dello sceriffo, si mette sulle loro tracce e si batte affinché la verità venga a galla una volta per tutte. Ma saranno davvero loro i colpevoli di questi efferati crimini? O c’è sotto qualcos’altro?

Colomba Legend 1

La bellezza della Sicilia

Colomba Legend può essere considerato il sequel di Quattro Carogne a Malopasso, il primo trash cult western che Vito Colomba (diventato poi famoso anche grazie alle sue apparizioni in tv al Maurizio Costanzo Show e a Mai Dire Tv) girò nel 1989, esattamente trent’anni fa. Scritto dal produttore Maurizio Macelloni e diretto da Vito Colomba (affiancato da Rosario Neri, che ha curato anche la fotografia), il film è stato girato tra Custonaci e San Vito Lo Capo, in provincia di Trapani, sfruttando la bellezza delle location naturali, quali le cave di Custonaci e la Riserva Naturale Monte Cofano.