Crucifixion, l’esorcismo di Tanacu nell’horror di Xavier Gens

Basato su eventi realmente accaduti, giovedì 14 febbraio arriva al cinema Crucifixion – Il Male è Stato Invocato, l’attesissimo thriller soprannaturale diretto dal regista francese Xavier Gens scritto da Carey Hayes e Chad Hayes con protagonista Sophie Cookson.

Il film

La storia si apre in Romania con delle spaventose urla che si sentono in lontananza. In un monastero, Padre Dimitru (Catalin Babliuc) e quattro suore stanno trasportando una donna visibilmente agitata e legata a una croce che in seguito scopriremo essere suor Adelina Marinescu (Ada Lupu). Quello che stanno facendo è un esorcismo.

Nicole Rawlins (Sophie Cookson), una giovane giornalista americana, decide di esaminare il caso di un prete arrestato in Romania per aver ucciso una donna durante un esorcismo. Nicole arriva in Romania e incontra Padre Corogeanu (Corneliu Ulici) che le dà un quadro più completo della notte dell’esorcismo e le svela che l’interruzione dell’esorcismo da parte del vescovo abbia bloccato il processo di redenzione, dando al demone il potere di prendersi la vita della Sorella. Questo scatenerà una serie di inspiegabili eventi e strani fenomeni.

_MGL6488.CR2

La vera storia di Tanacu

La storia di Crucifixion è basata sugli eventi accaduti in Romania nel gennaio 2005. L’esorcismo di Tanacu è stato il caso in cui Irina Cornici, una monaca malata di mente presso il monastero della chiesa ortodossa rumena di Tanacu nel contea di Vaslui, in Romania, è stata uccisa durante un esorcismo del sacerdote Daniel Petre Corogeanu con l’aiuto di altre quattro suore. Il caso è stato ampiamente pubblicizzato dai media rumeni e, dopo un lungo processo, i cinque sono stati condannati per omicidio, per aver ucciso una donna schizofrenica.

Scienza e Religione

I fratelli Hayes hanno scoperto per caso questa storia che ha catturato subito la loro attenzione; una storia che affronta il dibattito tra scienza e religione. “Ci piace lavorare sulle storie vere – raccontano i fratelli Hayesl’idea di mettersi in mezzo al dibattito tra ciò che è vero e ciò che è una credenza. All’epoca questa era una delle storie più controverse. Diventava sempre più intrigante il fatto che c’erano due parti che animavano il caso. I dottori che affermavano si trattasse di schizofrenia e i preti convinti che la ragazza fosse posseduta”.

_MGL9719.jpg

Fascino e autenticità

Sono rimasto affascinato dalla storia – spiega Xavier Gensdopo aver letto la sceneggiatura ho fatto delle ricerche su questo caso e ho davvero abbracciato il punto di vista di quell’indagine nel mito e nella cultura dell’Europa orientale. Ero così affascinato che ho deciso che dovevo realizzarne un film”. I filmmaker hanno rispettato il più possibile gli eventi reali e il luogo in cui si è verificato l’evento. La storia vera era così triste e spaventosa che sono stati ingaggiati attori del luogo: “volevamo davvero che fosse autentico e rispettasse i fatti realmente accaduti”.

Attraverso gli occhi di Nicole

L’intenzione del regista era di scoprire la storia attraverso il punto di vista della protagonista, Nicole, interpretata da Sophie Cookson: “volevo far confrontare la sua giovinezza e la sua innocenza con l’orrore di ciò che accadde a Suor Marinescu – racconta Gens scoprendo questa storia attraverso i suoi occhi, Crucifixion sembra molto di più di una semplice vicenda di esorcismo: ho voluto mescolare gli elementi tipici dei film horror insieme a quelli del noir”.

_MGL3524.CR2

Cosa è reale?

Abbiamo l’interpretazione pragmatica, scientifica e psicologica degli eventi e l’interpretazione religiosa e teologica – conclude Xavier Gensquesto è il motivo per cui ho voluto che il personaggio parlasse direttamente verso la camera. Tutti credono in quello che stanno dicendo, ma solo Nicole e il pubblico sono scettici. Devono decidere cosa è reale o no. Finché per Nicole non iniziano le visioni. Da un lato seguiamo il processo di possessione da parte di una terza persona attraverso flashback su Suor Marinescu e dall’altro il punto di vista in prima persona di Nicole che è posseduta dal demone alla fine del film”.