td0070_comp_v3038.1018.tiff

Deadpool 2, torna al cinema il supereroe chiacchierone

Dopo il grande successo di botteghino ottenuto con il primo film, Ryan Reynolds torna nel sequel di Deadpool il film sul noto Mercenario Chiacchierone – al cinema dal 15 maggio – diretto da David Leitch. Nel film sul supereroe più politicamente scorretto di tutto l’universo Marvel ci sono anche Brianna Hildebrand, Morena Baccarin e Josh Brolin.


David Leitch ha diretto questo Deadpool 2, un film ricco di acrobazie, scene d’azione ed effetti speciali: “ho avuto l’onore e il privilegio di contribuire alla creazione di universi incredibili – spiega il regista – ma c’è qualcosa di unico nel mondo di Deadpool, perché rivista il concetto di action-comedy. Il primo film presentava un mondo talmente vasto che ci ha fornito la possibilità di spaziare con la fantasia, anche se abbiamo voluto restare fedeli alle sue caratteristiche originali”.

Deadpool è uscito a febbraio 2016 registrando uno dei migliori incassi di tutti i tempi con oltre 750 milioni di dollari in tutto il mondo. Deadpool è stato il primo film live-action di supereroi ad aver ricevuto una nomination  ai Golden Globe come  Miglior Film di genere comico o musical, e Ryan Reynolds è stato nominato come Migliore Attore. Reynolds non è solo la star protagonista Deadpool 2, ma ha anche collaborato alla scrittura e alla produzione del film. “Ryan ha uno straordinario talento comico – afferma Leitch – e Deadpool è la vetrina ideale per mettere in mostra le sue qualità. Ha preso questo personaggio dei fumetti e lo ha personalizzato, stabilendo una forte sinergia con lui. In fondo Ryan gli assomiglia nel modo in cui parla e in cui vede il mondo: simpatico e irriverente ma anche sensibile e compassionevole”.

_DSF9465.RAF

Deadpool è una sorta di Gobbo di Notre Dame – continua Leitchha il volto  sfigurato e un animo sensibile.  La sua storia personale è straordinaria: è un ragazzo dotato del potere di autoguarigione che riesce a realizzare il suo desiderio. In un certo senso è invincibile. Dice tante stupidaggini incomprensibili, spiritose e coraggiose che nessuno di noi direbbe ma che ci piace ascoltare. Un connubio fantastico all’interno di uno stesso personaggio”.

A proposito di questo sequel, il regista aggiunge: “non volevo perdere di vista il materiale del film originale. Il narratore deve garantire queste qualità senza tradire il DNA del primo film che ha avuto tanto successo. C’è la satira e l’irriverenza di una commedia vietata ai minori (o che i minori possono vedere solo se accompagnati) nonché un’azione rocambolesca. Il passo successivo è trovare un filmmaker che riesca a personalizzare il film. Questa è la sfida maggiore. Nessuno desidera alienare il pubblico. Visto il mio background, la gente si aspettava grandi scene d’azione, quindi bisognava soddisfare queste aspettative. Quando si scrive un film bisogna compiere scelte coraggiose, superare i limiti ed essere provocatori. E quale altro universo ti consente di spaziare più di Deadpool?”.

Deadpool 2 2

Per David Leitch, con Deadpoolsi possono fare scelte audaci e chiedere scusa al pubblico di queste scelte, squarciando la cosiddetta quarta parete, quel velo immaginario che si conviene fra attori e spettatori durante una rappresentazione. È questo il bello del film: rompe tutti gli schemi”.