Totino

Dino Lora Totino, il visionario Ingegnere del Monte Bianco

Giovedì 16 luglio, in occasione del 55° anniversario dell’inaugurazione del Traforo del Monte Bianco, alle 21.15 Focus propone la prima visione assoluta de L’Ingegnere Del Monte Bianco, il documentario che ricostruisce la leggendaria figura di Dino Lora Totino – di cui ricorrono i 120 anni della nascita e i 40 della morte – e i due progetti ingegneristici cui dedicò l’intera vita.

14_1965-la-fine-dei-lavori_1_inaugurazione

Il primo è stato la funivia del Monte Bianco, cui iniziò a lavorare negli Anni ’30. Il secondo, il tunnel stradale i cui lavori iniziarono nel 1946, per terminare nel 1965 con una gara di velocità tra maestranze italiane e francesi. E ciò, nonostante il clima del Dopoguerra e le incertezze economiche nel Paese, in Europa e nel resto del mondo.

L’Ingegnere Del Monte Bianco restituisce anche la carica visionaria e la tenacia quasi ossessiva con cui Totino si propose di superare il Bianco, prima scavalcandolo, quindi attraversandolo. Per l’ingegnere, attraversarlo era non solo un’opportunità economica (aveva previsto le potenzialità degli scambi italo-francesi e il boom del turismo), ma anche un imperativo morale: un modo per ricollocare l’Italia al centro di un progetto europeo unitario e di una cultura politica democratica, dopo le divisioni legate a fascismo e II Guerra Mondiale.

12_14-agosto-1962_4_parismatch

Di Totino, inoltre, colpiscono le doti dimostrate, sia come catalizzatore di consensi politici e intelligenze tecniche coinvolte nel progetto, sia come motivatore per gli operai coinvolti. Una passione che, nei momenti di maggiore difficoltà, lo ha visto investire nel traforo in prima persona, attingendo a risparmi personali e familiari. Tutto. Purché il cantiere non si fermasse.