COP

Eclettico e indimenticabile, trent’anni fa ci lasciava Rock Hudson

Esattamente trent’anni fa ci lasciava l’indimenticabile Rock Hudson consacratosi a Hollywood, involontariamente, come il primo personaggio del mondo del cinema a morire di AIDS. Per omaggiarlo, il canale Studio Universal gli dedica, dal 5 ottobre e per tutti i lunedì del mese, una rassegna di quattro film che lo vedono protagonista.

Con Gina Lollobrigida in "Torna a Settembre"

Con Gina Lollobrigida in “Torna a Settembre”

Figlio di un meccanico e di una telefonista che divorziano quando il figlio ha solo 8 anni, il giovane Hudson dopo gli studi intraprende umili mestieri. In guerra è a bordo di una portaerei e successivamente diventa camionista. Un lungo percorso quindi prima di imboccare la via di Hollywood, dove Hudson esordisce con il nome del patrigno, Roy Fitzgerald.

La fama dell’attore resta principalmente legata ai titoli girati con Douglas Sirk come protagonista in film quali  Il Capitalista (1952), che apre la rassegna il 5 ottobre, dove c’è la primissima apparizione sullo schermo di James Dean, nel ruolo (muto e di pochi minuti) di un ragazzo che sta mangiando un gelato. Il 12 ottobre lo vedremo in Torna a Settembre (1961) di Robert Mulligan, Hudson recita in una divertente commedia ambientata in Italia al fianco di Gina Lollobrigida.

Insieme a Claudia Cardinale ne "L'Affare Blindfold"

Insieme a Claudia Cardinale ne “L’Affare Blindfold”

Ne L’Affare Blindfold (1966) diretto da Philip Dunne con Claudia Cardinale, in programma il 19 ottobre, l’attore è uno psichiatra mandato dalla CIA a curare uno scienziato atomico nevrotico, mentre infine, il 26 ottobre, in Base Artica Zebra (1968) di John Sturges, interpreta il comandante di un sommergibile nucleare americano che ha l’ordine di portare soccorso a una stazione metereologica inglese nel polo nord (Base Artica Zebra) dalla quale giungono segnali d’aiuto.