© 2019 Warner Bros. Entertainment Inc. - Photo Credit: Chiabella James

Ian McKellen e Helen Mirren, segreti e bugie ne L’Inganno Perfetto di Bill Condon

© 2019 Warner Bros. Entertainment Inc. - Photo Credit: Chiabella James

I leggendari attori Helen Mirren e Ian McKellen sono i grandi protagonisti de L’Inganno Perfetto, un thriller ricco di suspense incentrato sui segreti che le persone nascondono e sulle bugie che vivono. Il film – da giovedì 5 dicembre al cinema – è stato diretto da Bill Condon ed è tratto dall’acclamato romanzo di Nicholas Searle. Fanno parte del cast principale anche Russell Tovey e Jim Carter.

Il film

Il genio della truffa Roy Courtnay (Ian McKellen) ha messo gli occhi su una nuova preda: Betty McLeish (Helen Mirren), una donna da poco rimasta vedova che vale milioni di sterline. E Roy intende prendersi tutto. Fin dal loro primo incontro, Roy inizia a manipolare Betty con il suo collaudato modo di fare, e Betty, che sembra alquanto affascinata da lui, lo asseconda. Ma questa volta, quella che sarebbe dovuta essere una semplice truffa si trasforma in un gioco del gatto con il topo, dove la posta in palio metterà in luce i più insidiosi inganni che li porteranno entrambi attraverso un campo minato di pericoli, intrighi e tradimenti.

Il lato oscuro della natura umana

Secondo le parole del regista e produttore Bill Condon, L’Inganno Perfettooffre offre uno sguardo intrigante sul lato oscuro della natura umana, fatto spesso con sprazzi di umorismo macabro. Questo è un thriller dall’atmosfera hitchcockiana, dove si intrecciano elementi di mistero, criminalità e passioni umane. La cosa più bella dei film come questo è che non sai mai cosa succederà e perché. Ciò che più mi entusiasma, è immaginare come il pubblico sarà in grado di mettere insieme questo intricato puzzle con tutti i suoi colpi di scena”. Oltre a ciò, e poiché sa che probabilmente le persone si aspettano molto da una storia come questa, Condon aggiunge: “non sono solo gli stessi colpi di scena che potrebbero sorprendere, ma i motivi che li generano e le conseguenze che provocano”.

Roy e Betty © 2019 Warner Bros. Entertainment Inc. - Photo Credit: Chiabella James

Roy e Betty © 2019 Warner Bros. Entertainment Inc. – Photo Credit: Chiabella James

Dal libro al film

L’Inganno Perfetto è un mistery a più livelli di emotività che si apre lentamente e svela nuovi risvolti. Bill Condon si è rivolto all’acclamato sceneggiatore Jeffrey Hatcher per adattare il libro ad una sceneggiatura: “al centro della storia c’è una truffa – ricorda Hatchere nel bel mezzo della truffa sembra di vedere una storia d’amore, e nel mezzo c’è qualcos’altro ancora: è come la matriosca, ogni volta che sollevi la testa ad una, ne trovi un’altra dentro”. Adattare il racconto di Nicholas Searle al grande schermo significava portare la maggior parte dell’azione ai giorni nostri, dove la tecnologia gioca un ruolo fondamentale, e dove il passato rimane un’ombra oscura: “il libro rivela prima gli eventi, e la suspense si alza quando i personaggi scoprono ciò che il lettore già sa – continua Hatchermentre il film assume un approccio più oggettivo, consentendo al pubblico di assumere il punto di vista prima di un personaggio e poi dell’altro”.

Betty e Roy

In un certo senso, la storia rivela l’affascinante patologia di un truffatore in carriera” – osserva Bill Condon – ma sebbene il romanzo di Nicholas Searle su cui si basa il film si concentri maggiormente sulla traiettoria di Roy, Condon istintivamente nella trasposizione cinematografica mette sullo stesso piano Betty e Roy — o Helen e Ian — dove, aggiunge il regista, “il personaggio femminile e il suo punto di vista hanno lo stesso peso. Inizia e finisce realmente con il rapporto che si sviluppa tra i due”.

Helen Mirren © 2019 Warner Bros. Entertainment Inc. - Photo Credit: Chiabella James

Helen Mirren © 2019 Warner Bros. Entertainment Inc. – Photo Credit: Chiabella James

Helen Mirren è Betty

Helen Mirren recita nel ruolo di Betty, che accetta da subito un incontro con il raffinato Roy di Ian McKellen: “desideri che ti assegnino personaggi che abbiano sostanza e complessità – afferma la Mirren tuttavia, Betty è una donna piuttosto dolce. Non sembra affatto forte o dura. Come molte persone, sente la mancanza di qualcosa nella sua vita. È in cerca di compagnia, un uomo con cui andare a cena fuori o a teatro, e arriva Roy, che è divertente e coinvolgente, e sulla carta potrebbe essere esattamente quello che sta cercando”. In effetti, sembra subito che tra i due ci sia una forte intesa: sono entrambi alla ricerca di qualcosa di speciale e hanno deciso di rischiare con l’altro. Esplorando non solo l’arte dell’inganno, ma anche quello delle relazioni, L’Inganno Perfetto offre il tacito, e in qualche modo cinico, riconoscimento che il successo in entrambi i casi dipende da coloro che sono coinvolti con le stesse abilità.

Ian McKellen è Roy

Ian McKellen, che ha firmato la sua quarta collaborazione con Condon, interpreta Roy: “rompicapi e complicazioni rendono una storia molto divertente – spiega l’attore – giudico una sceneggiatura innanzi tutto se può dar vita ad un film che vorrei vedere, e mi piacciono le vicende in cui non sai mai cosa succederà dopo, che lasciano momenti di suspence perché tutto può accadere al di fuori del previsto”. In linea con questa promessa, McKellen evita scrupolosamente di descrivere troppo da vicino gli avvenimenti. Invece, aggiunge: “diciamo solo che i protagonisti sono due persone piuttosto interessanti che vanno ad un appuntamento e…potrebbero avere scopi differenti”.

Ian McKellen © 2019 Warner Bros. Entertainment Inc. - Photo Credit: Chiabella James

Ian McKellen © 2019 Warner Bros. Entertainment Inc. – Photo Credit: Chiabella James

Segreti, fascino, bugie

Come sappiamo, le persone cattive possono essere piene di fascino e arguzia al punto che il pubblico inizierà persino a fare il tifo per loro – racconta Bill Condon è interessante provare a renderli complici, per essere eventualmente distratti dalle loro qualità e non far caso a ciò che c’è sotto”. Ma ciò che c’è sotto è in definitiva proprio ciò di cui tratta L’Inganno Perfetto, una riuscita storia di segreti e bugie. E, conclude Condon, “la parte migliore di un film come questo è che non sai mai cosa succederà e perché. E questa è anche la cosa divertente”.