Il Fronte Interno 0

Il Fronte Interno, conflitti familiari e internazionali nel film di Guido Acampa

Distribuito da Lapej in collaborazione con Artex Film, giovedì 26 maggio uscirà al cinema Il Fronte Interno, il lungometraggio drammatico scritto e diretto da Guido Acampa, liberamente ispirato al romanzo Santa Mira, Fatti e Curiosità Dal Fronte Interno di Gabriele Frasca. Il film, interpretato da Luigi Iacuzio, Betti Pedrazzi, Autilia Ranieri, Nello Mascia e Antonello Cossia, ha partecipato a diversi festival internazionali aggiudicandosi numerosi premi tra cui il Federico Fellini Award al Tiburon International FIlm Festival in California, premio dedicato a registi esordienti internazionali.

Il film

La pellicola racconta i fragili equilibri di una famiglia che vive in una remota località da dove decollano jet italiani diretti in Iraq, durante la cosiddetta ‘guerra al terrorismo’. Da Gaudì, introverso conduttore di cani a Dalia, ossessionata dalla guerra e preoccupata per le condizioni di un padre anziano. Da Damiano, che ha dedicato la vita alla passione politica e a tante battaglie puntualmente perse, a ‘Santa Mira’, che vive con distanza la partecipazione a una guerra che genera dubbi e paure, Il Fronte Interno oscilla tra l’evoluzione di contrasti familiari mai risolti e un conflitto internazionale che vibra sulle loro teste.

Gabriele Frasca racconta…

Il fronte interno è quello che confonde le linee, attraversa le comunità e i nostri singoli corpi e menti. Il fronte interno è la capillare mistificazione dell’onnipotere mediatico nei regimi “democratici”. Il fronte interno è la sottile linea rossa che separa chi soggiace alla soporifera “realtà” propinata e chi, per qualche motivo, cominci a lottare per svegliarsi”.

Il Fronte Interno 1

Guido Acampa racconta…

“C’è sempre una guerra da qualche parte che puntualmente nasce per tensioni divergenti e subdoli motivi alimentati da una totale indifferenza. Come in ogni relazione sociale, quando ormai tutto è compromesso,  non si può più tornare indietro. Volevo creare un luogo remoto e immaginario con una grande base militare che rappresentasse un intero Paese in un conflitto internazionle, tuttavia il conflitto non viene mai mostrato e ci resta una comunità persa nelle sue lotte interiori”.