Il Talento Del Calabrone 0

Il Talento Del Calabrone, Sergio Castellitto nel thriller d’esordio di Giacomo Cimini

Inizialmente programmato nelle sale cinematografiche (doveva uscire il 5 marzo), da mercoledì 18 novembre 2020 su Amazon Prime Video arriva in video on demand Il Talento Del Calabrone, opera prima diretta da Giacomo Cimini, un thriller mozzafiato ambientato a Milano con protagonisti Sergio Castellito, Lorenzo Richelmy e Anna Foglietta.

Il film

Milano. Steph (Lorenzo Richelmy) è un giovane DJ radiofonico sulla cresta dell’onda, molto popolare sui social media. Ogni sera conduce un programma radiofonico con un forte seguito durante il quale riceve chiamate dai fan. Una sera, una telefonata, però, lo raggela: uno sconosciuto (Sergio Castellitto) dal sangue freddo annuncia in diretta di volersi togliere la vita, facendosi esplodere nel centro della città. Steph cerca di gestire la situazione: l’attentatore minaccia di farsi esplodere se il DJ non lo intratterrà in diretta. L’uomo, che si fa chiamare Carlo, sfida Steph in un duello di resistenza mentale. Nel frattempo, il nucleo investigativo dei Carabinieri guidato dalla risoluta Tenente Colonnello Rosa Amedei (Anna Foglietta) si mette sulle tracce del terrorista e scopre che il piano dell’uomo è molto più complesso di quanto lui stesso voglia mostrare: è l’atto di un uomo dotato di un’intelligenza superiore, capace di mettere in scacco un’intera città con una sola, semplice telefonata.

Lorenzo Richelmy e Anna Foglietta

Lorenzo Richelmy e Anna Foglietta

Come una partita a scacchi

Si tratta di un film realizzato attraverso un mix tra alta tecnologia e una drammaturgia che resta, in qualche modo, umanissima perché l’obiettivo rimane quello di raccontare storie e vicende che toccano l’anima delle persone”, ha raccontato Sergio Castellitto. “Quello che mi ha colpito della storia è che tutti i personaggi nascondono una verità, sia in senso positivo sia in senso negativo – ha dichiarato il regista Giacomo Cimini -. Quello che più mi ha coinvolto è stata la possibilità di raccontare il confronto tra tre personaggi in opposizione l’uno con l’altro: una partita a scacchi che ha come plancia di gioco una città intera”.