still4_1.1.1

Italiani Brava Gente di Giuseppe De Santis restaurato alla Festa del Cinema di Roma

Sabato 27 ottobre, alle ore 16.00, nella Sala Petrassi dell’Auditorium, verrà ufficialmente presentata nel suo ritrovato splendore la versione restaurata di Italiani Brava Gente di Giuseppe De Santis (1964). La pellicola verrà presentata come Evento Speciale della Festa del Cinema di Roma alla presenza di Raffaele Pisu, unico protagonista maschile ancora vivente, e della vedova del regista, Gordana Miletic De Santis.  Il CSC – Cineteca Nazionale ha curato, grazie allo sforzo economico di Genoma Films, il restauro del film interpretato, oltre da Pisu, da Riccardo Cucciolla, Andrea Checchi, Peter Falk, Arthur Kennedy, Zhanna Prochorenko Tatjana Samojlova, con le musiche originali di Armando Trovajoli.

still2_1.1.1

Italiani Brava Gente è un grande film epico e spettacolare che si inserisce nella tradizione del cinema sovietico sulla “Grande guerra patriottica”, come i russi definiscono la seconda guerra mondiale. Il tutto esaltato dallo stile e dalla sensibilità di Giuseppe De Santis, che racconta l’odissea di alcuni soldati italiani durante la campagna di Russia e il loro rapporto, conflittuale ma anche a tratti solidale, con l’Armata Rossa e soprattutto con la popolazione sovietica.

still5_1.1.1

Il restauro è stato realizzato dalla Cineteca Nazionale a partire dai negativi originali 35mm e dalla colonna sonora messi a disposizione dalla Galatea, con la collaborazione di Intramovies. La versione che verrà presentata alla Festa del Cinema di Roma è tratta direttamente dal negativo originale. La Cineteca Nazionale sta anche approntando una ricostruzione della versione più completa possibile che reinserirà nel film i tagli di censura, molti dei quali presenti nella versione sovietica del film che aveva un differente titolo: “ОнишлинаВосток” (“Onislinavostok”, ovvero “Andavano verso Oriente”).

still6_3.1.1

Commenta Paolo Rossi Pisu: “da tempo era mio desiderio riuscire a far restaurare Italiani Brava Gente, non solo come omaggio a mio padre Raffaele Pisu, ma come tributo al valore del film nel panorama della nostra tradizione cinematografica e la Cineteca Nazionale ha accolto con entusiasmo questa mia volontà. È un restauro importante e siamo onorati che sarà presentato nella bellissima cornice della Festa del Cinema di Roma”.