Shark 0

Jason Statham sfida Shark, il Primo Squalo di Jon Turteltaub

Jason Statham e la pluripremiata attrice cinese Li Bingbing sono i protagonisti dell’action thriller di fantascienza Shark – Il Primo Squalo, diretto da Jon Turteltaub e dal 9 agosto in uscita nelle nostre sale.

Il film

Un sommergibile oceanico – parte di un programma internazionale di osservazione sottomarina – viene attaccato da un’imponente creatura che ora giace sul fondo della zona più profonda del Pacifico e il suo equipaggio è intrappolato all’interno. Il tempo stringe, l’ex esperto di salvataggi subacquei Jonas Taylor (Jason Statham) decide di lasciare il suo esilio volontario, spinto da un visionario oceanografo cinese, il dr. Zhang (Winston Chao), contro il volere della figlia Suyin (Li Bingbing), convinta di poter salvare l’equipaggio con le sue sole forze.

Ma servirà l’unione degli sforzi di tutti per salvare le loro vite– e anche quella dell’oceano– da questa apparentemente inarrestabile minaccia: uno squalo preistorico di quasi 23 metri conosciuto come Megalodon. Ritenuto estinto, Meg si rivela invece più vivo che mai e anche molto affamato. Cinque anni prima, Jonas aveva già avuto modo di incontrare questa terrificante creatura, ma nessuno gli aveva creduto. Adesso, in compagnia di Suyin, Jonas dovrà affrontare le sue paure e mettere la sua vita a rischio per tornare negli abissi dell’oceano e ritrovarsi faccia a faccia con il più grande predatore di tutti i tempi.

Shark 1

Il Megalodon

Il megalodonte (Carcharodon megalodon) è una specie estinta di squalo di notevoli dimensioni, noto per i grandi denti fossili. Il nome scientifico megalodon deriva dal greco e significa appunto “grande dente“.  I fossili di C. megalodon si trovano in sedimenti dal Miocene al Pliocene (tra 23 e 2,6 milioni di anni fa). Si tratta del discendente del Mosasauro protagonista dei film Jurassic World e Jurassic World – Il Regno Distrutto. Vero e proprio mostro e predatore marino, il Mosasauro visse tra i 60 e gli 80 milioni di anni fa. Era lungo fino a 9 metri, si muoveva agile come un’anguilla e inghiottiva pesci di grandi dimensioni. La sua bocca si spalancava enormemente: inghiottiva più di quanto potesse masticare. Incastonati nelle mascelle vi erano file di denti ricurvi all’indietro. Quando un dente per consunzione cadeva, uno nuovo lo rimpiazzava (come gli squali).