jurassicoltrepo

Jurassic Oltrepò, viaggio tra passato, presente e futuro

Domenica 16 luglio sarò al Planetario e Osservatorio Astronomico Ca’ del Monte per Jurassic Oltrepò, un incontro che vi farà viaggiare nel tempo, tra passato, presente e futuro. Il nome, una citazione del celebre capolavoro cinematografico di Steven Spielberg, non è casuale. La settima arte sarà infatti la protagonista del mio intervento d’apertura.

jurassic-park
Dal già citato Spielberg a Trevorrow (regista di Jurassic World, 2015) da Kubrick (2001: Odissea Nello Spazio, 1968) a Malick (The Tree of Life, 2011): attraverso alcune delle pellicole più famose di sempre, accompagnerò il pubblico in un percorso storico-fantascientifico ricco di suggestioni, anche filosofiche. Attori principali del discorso saranno i fossili, preziosi testimoni della vita che fu, nonchè fonti autentiche della storia del nostro pianeta. Il loro fascino, a milioni di anni di distanza, è sempre più grande.

Dopo questa prima parte introduttiva, si uscirà all’esterno in compagnia della guida dell’Associazione naturalistica Volo di Rondine che accompagnerà i partecipanti in una passeggiata alla scoperta dei fossili marini della zona. L’intera area è un luogo ricco di rocce sedimentarie, in maggioranza arenarie, che contengono, grazie alla loro caratteristica geologica, numerosi esemplari di fossili, principalmente conchiglie e bivalvi. Dagli antichi oceani alle rocce dei nostri giorni, sarà una passeggiata tra gli affioramenti del Monte Vallassa: una vera caccia al tesoro. Ripercorreremo le ere geologiche e osserveremo il passato del Guardamonte, alla ricerca di tesori nascosti da scoprire, conoscere e imparare a rispettare.

(foto di Marco Ciccolella)

(foto di Marco Ciccolella)

Nella fase conclusiva scopriremo insieme attraverso affascinanti e suggestive immagini e filmati, alcune particolarità del Sole, dalle macchie solari, formazioni scure e fredde che appaiono sulla superficie solare e sono indicatori della sua attività, alle protuberanze, getti di materia che si innalzano per centinaia di migliaia di chilometri nello spazio. L’attività continuerà con l’osservazione del Sole al telescopio per cogliere in diretta le macchie e le protuberanze, in totale sicurezza per gli occhi.

Tutte le info le trovate qui.

go