La Ciciociara miniserie Sophia Loren

La Ciociara, la miniserie di Dino Risi con Sophia Loren in tv

Retequattro sabato 25 aprile celebrerà la Liberazione d’Italia mandando in onda prima la miniserie La Ciociara (alle 21.30) e poi il  documento L’Amicizia Fatale – Hitler e Mussolini.

"La Ciociara" (1960)

Sophia Loren ne “La Ciociara” (1960)

La Ciociara di Dino Risi

In prima serata andrà in onda La Ciociara, la fiction del 1988 diretta da Dino Risi, tratta dall’omonimo romanzo di Alberto Moravia. Le vicende narrate, romanzate, raccontano uno dei tanti crimini di guerra di quell’epoca: la marocchinata. Lo stupro e la violenza dei goumier, soldati marocchini parte dell’esercito francese tra 1908 e 1956, sulle donne italiane. Sophia Loren tornò a vestire i panni della ciociara Cesira, a distanza di 27 anni dal film diretto da Vittorio De Sica nel 1960. Con quel ruolo, la 26enne Loren venne consacrata stella del cinema, vincendo David di Donatello, Nastro d’argento, Oscar come Miglior attrice protagonista, Prix d’interprétation féminine a Cannes e BAFTA come Miglior attrice straniera. La pellicola ottenne anche un Golden Globe come Miglior film.

L’Amicizia Fatale

A seguire, L’Amicizia Fatale – Hitler e Mussolini indaga il rapporto tra i due. Amici, rivali, Hitler e Mussolini sono legati in maniera indissolubile. Dapprima uno è il maestro e l’altro l’ammiratore. Poi uno diventa il Führer e l’altro un vassallo. Continua a unirli la megalomania e la distruzione: caratteristiche che porteranno solo guerre e sofferenze, senza precedenti, per l’intera Umanità.

Hitler e Mussolini

Hitler e Mussolini

La Storia

Il 74° Anniversario della Liberazione ricorda la vittoriosa lotta di resistenza militare e politica attuata dalle forze armate alleate, dall’Esercito Cobelligerante Italiano e dalle forze partigiane, durante la II Guerra Mondiale, contro il governo fascista della Repubblica Sociale Italiana e l’occupazione nazista. Il 25 aprile 1945, il Comitato di Liberazione Nazionale Alta Italia proclama l’insurrezione generale in tutti i territori ancora occupati dai nazifascisti: l’obiettivo è ottenere la resa dei presidi fascisti e tedeschi, ed eseguire le condanne a morte di tutti i gerarchi, incluso il leader, Benito Mussolini. Due giorni dopo, il Duce viene arrestato dai partigiani della 52° Brigata Garibaldi “Luigi Clerici”, a Dongo. Il 28 aprile, l’esecuzione di Mussolini e Claretta Petacci ha luogo a Giulino di Mezzegra, sul Lago di Como, a opera di un plotone di partigiani comandato dal Colonnello Valerio, Walter Audisio, esecutore materiale della condanna a morte.