le petit garçon de Novosibirsk septembre 1967

La Lente Delle Meraviglie, la fotografia unica di Robert Doisneau

le petit garçon de Novosibirsk septembre 1967

Esce oggi al cinema Robert Doisneau – La Lente Delle Meraviglie, il documentario di Clementine Deroudille su uno dei più grandi fotografi del XX secolo, un artista che aveva un approccio profondamente umanista verso l’arte.

Grazie a un ricco archivio di immagini inedite, interviste ai suoi amici, “complici” e rarissimi video di repertorio, La Lente delle Meraviglie è lo straordinario ritratto di uno dei più grandi fotografi del XX secolo, noto per capolavori immortali come Il Bacio e per un approccio profondamente umanista verso l’Arte. Il film racconta la sua vita da giovane ragazzo delle periferie fino a diventare una superstar della fotografia, mostrando tutta la sua determinazione a divenire il più grande “ritrattista della felicità umana”.

Sabine Azéma chez Gégène Joinville le pont 1985

Sabine Azéma chez Gégène Joinville le pont 1985

Abbiamo voluto mettere in evidenza un Doisneau diverso – racconta Clementine Deroudillemostrando l’importanza e le diverse sfaccettature del suo lavoro e occupandoci degli aspetti innovativi e meno conosciuti della sua vita. Ci siamo concentrati sull’interesse che ha mostrato per le fotografie a colori, come evidenziato dai reportage che fece a Palm Springs o nei sobborghi di Parigi. Le sue opere Bianco&Nero che tutti noi conosciamo, ci ha sempre distolto da un’altra gemma nascosta nel suo lavoro: le sue foto a colori, che stiamo iniziando a scoprire solo adesso. Abbiamo voluto immaginare Doisneau vagare per le strade di Parigi, le stesse in cui ha vissuto per tutta la vita, e i diversi paesi che ha visitato grazie al suo lavoro”.

Clémentine au panier Loubressac août 1981

Clémentine au panier Loubressac août 1981

Il regista aggiunge: “era un fotografo che aspettava per ore, pazientemente, per costruire un’immagine idealizzata in maniera meticolosa e quando non era possibile immortalare l’emozione di un momento fugace, si avvaleva di modelli per ricrearla. Grazie ad un ampio lavoro di archiviazione, siamo riusciti ad ottenere documenti sonori e materiale video inediti insieme a numerose “figure chiave” che ci raccontano Doisneau attraverso le sue stesse parole, portando alla luce alcuni degli aspetti più essenziali della sua vita e delle sue opere”.