La Regola Oro 0

La Regola D’Oro, la manipolazione della tv nel film di Alessandro Lunardelli

Sarà disponibile dal 26 febbraio on demand su iTunes, Google, Chili Tv, Rakuten e Amazon Direct La Regola D’Oro, il film diretto da Alessandro Lunardelli ed interpretato da Edoardo Pesce, Simone Liberati, Barbora Bobulova, Hadas Yaron e Rita Hayek.

Edoardo Pesce

Edoardo Pesce

Il film

Cosa diavolo ci fa uno come Ettore Seppis (Simone Liberati) dietro le quinte di una grande prima serata televisiva? Se lo chiede anche lui, mentre aspetta di ritirare un premio al Teatro antico di Taormina, pronto – si fa per dire! – a salire sul palco tra i flash dei fotografi e gli applausi del pubblico. Ettore è un soldato, ha trascorso gli ultimi cinque mesi prigioniero dei fondamentalisti siriani, e adesso che è tornato a casa tutti lo trattano come un eroe: autografi da firmare, giornalisti a cui rispondere, conduttrici che sognano il picco di ascolti. E lui? Qualcosa lo tormenta, un segreto su cosa è realmente accaduto in Siria: avrebbe bisogno di parlarne, ma con chi? L’unico sembra Massimo (Edoardo Pesce), l’autore tv che dovrebbe preparare il suo discorso di ringraziamento: magari un giorno diventeranno amici, ma per ora sono due calamite che più si avvicinano e più si respingono.

Alessandro Lunardelli racconta…

Oggi che cosa c’è ancora da dire sul mondo della Tv? In passato, ho avuto la possibilità, il piacere e il bisogno di lavorare per un’emittente nazionale come trailerista e ricordo ancora il momento in cui mi chiesero di ideare un promo per far credere al pubblico che Rambo fosse un film al femminile. Il motivo? La controprogrammazione in prima serata a una partita di calcio. Con ingenuità credevo non fosse possibile, e chiaramente mi sbagliavo. Ecco, forse quello che oggi posso dire della tv, che è lo stesso di quello che potevo dire ieri, è che da sempre ne sottovaluto la capacità di superare la mia fantasia e i miei limiti. Di quell’esperienza ricordo anche con piacere le buste paga e la possibilità di vedere film in continuazione, di ogni genere. E colleghi con cui discuterne. Alcuni facevano quel lavoro da trent’anni e non se n’erano accorti“.

Simone Liberati

Simone Liberati

Massimo, il personaggio di Edoardo Pesce, è nato proprio per incarnare quel sottile disincanto, un “uomo di lettere” che spende la propria vita come autore nel dietro le quinte di una trasmissione di approfondimento, nella convinzione di procedere con dignità verso i propri sogni, a piccoli passi o almeno per approssimazione. Come il suo personaggio, che scandaglia i fatti di cronaca per individuare l’ospite da portare alla ribalta, anch’io sono arrivato alla scelta del contendente “Ettore” ispirandomi a un evento reale e drammatico: la richiesta di riscatto per dei militari, di cui uno europeo, rapiti in Siria. Quella notizia mi aveva colpito perché la richiesta di denaro non era come tutte quelle a cui cinicamente ci eravamo abituati in quel periodo ma era stata lanciata in Internet e non si rivolgeva alle casse dello Stato bensì a tutti i cittadini“.

Sgomento e pietà erano emozioni che attanagliavano tutti e volevo indagare quali fossero invece i sentimenti e le conseguenze per un narratore di spettacolo che deve impegnarsi non tanto a manipolare la storia quanto a piegarla nella direzione più conveniente. Nel film come nella realtà, la guerra continuerà, a distanza, e non riuscirà mai a spazzare ciò che è futile, a esigere di schierarsi, ad imporre il cinismo. Ettore, il militare interpretato da Simone Liberati, però la guerra la vive davvero. È stato un personaggio difficile da affrontare per entrambi: Simone ha dovuto procurarsi nel fisico gli stenti di una lunga prigionia, mentre io ero ben felice di affrontare il limite di un paese che non ha una epopea militare moderna a cui inneggiare e di un relativo eroe in mimetica da esaltare“.

Ettore e Massimo

Ettore e Massimo

Ma avevo una suggestione molto personale da inseguire e ho attinto a tutte le testimonianze reali a cui potevo arrivare per trovarne riscontro: Generali, Associazioni di volontariato, reduci, giornalisti rapiti. E ognuno di loro aveva vissuto qualcosa di molto simile al nostro personaggio: non importa se indossi la divisa, se reggi un microfono o se a pochi chilometri risuonano le bombe, tutti, almeno con il pensiero, si sono nascosti in un bagagliaio per evadere da un compound o da un hotel e vivere pochi minuti di amore. Ed ecco che il terreno di scontro con Massimo si delineava: non più la Tv, non più la guerra ma le ferite e il diverso colore del sangue tra chi si è protetto dietro le quinte e chi è stato capace di perdere la libertà per necessità e passione“.