Andy Garcia (© Ben Rothstein, 2017 Warner Bros. Entertainment Inc., Skydance Productions, Llc And Ratpac-Dune Entertainment Llc)

L’Uomo usa iI clima come un’arma nel Geostorm di Dean Davlin

Andy Garcia (© Ben Rothstein, 2017 Warner Bros. Entertainment Inc., Skydance Productions, Llc And Ratpac-Dune Entertainment Llc)

Sarà da oggi al cinema – anche in versione 3D – Geostorm, l’action thriller diretto da Dean Devlin (al suo esordio alla regia) e interpretato da un grande cast che comprende Gerard Butler, Jim Sturgess, Abbie Cornish, Ed Harris e Andy Garcia.


E se le condizioni meteorologiche estreme e i disastri naturali fossero, davvero, qualcosa che appartiene al passato, se gli scienziati avessero trovato una soluzione al problema e i capi di Stato si riunissero per portare letteralmente la pace sulla Terra? Potrebbe funzionare? Ma soprattutto – coloro che sono coinvolti saprebbero resistere alla tentazione di impadronirsi del controllo? Cosa succederebbe se il potere assoluto finisse nelle mani sbagliate e diventasse l’arma perfetta scatenando l’inferno sulla Terra?

In Geostorm in seguito a una terribile serie di disastri naturali senza precedenti che colpiscono il pianeta, i capi di stato delle maggiori potenze mondiali si riuniscono per definire la realizzazione di una complessa rete di satelliti in grado di controllare le condizioni climatiche e garantire la sicurezza dei cittadini. Ma quando qualcosa andrà storto – il sistema elaborato per proteggere la Terra sta diventando la causa della sua distruzione – inizierà una corsa contro il tempo per scoprire la vera minaccia, prima che una tempesta globale spazzi via tutto e tutti.

Gerard Butler (© Ben Rothstein, 2017 Warner Bros. Entertainment Inc., Skydance Productions, Llc And Ratpac-Dune Entertainment Llc)

Gerard Butler (© Ben Rothstein, 2017 Warner Bros. Entertainment Inc., Skydance Productions, Llc And Ratpac-Dune Entertainment Llc)

Geostorm è proprio questo, una palpitante corsa contro il tempo per risolvere il mistero e smascherare la cospirazione. Una fuga dalla realtà di proporzioni epiche, tra scariche di fulmini di potenza inaudita a tempeste di ghiaccio nel deserto, compreso tutto quello che ci può stare in mezzo. L’esordiente scrittore/produttore/regista Dean Devlin si è immaginato un mondo in cui la cooperazione politica globale e un’ampia rete di satelliti che controllano le condizioni meteorologiche hanno fatto diventare i disastri naturali avvenimenti che appartengono al passato. Questo fino a che qualcosa – o qualcuno – inizia a non funzionare, una prova che non tutto può essere tenuto sotto il controllo dell’uomo.

Il governo americano è costretto a rivolgersi all’uomo (interpretato da Gerard Butler) che ha ideato la “rete” che circonda la Terra per correggere il malfunzionamento, prima che la falla nel sistema diventi irreversibile. Mentre in passato gli era stato impedito qualsiasi ulteriore coinvolgimento nel programma, ora il ribelle che vive fuori dagli schemi viene richiamato per salvare il pianeta e la propria reputazione, e non si preoccupa di essere accolto come un salvatore non sa di essere un perfetto capro espiatorio. Dean Devlin si è posto diversi interrogativi: “questa è una storia di ‘e se’: se aspettassimo troppo per affrontare il cambiamento del clima? Se non lo facessimo? Se fossimo capaci di ideare questa straordinaria macchina per controllare le condizioni meteorologiche dell’intero pianeta? E se si ribellasse?”.

Abbie Cornish (© Ben Rothstein, 2017 Warner Bros. Entertainment Inc., Skydance Productions, Llc And Ratpac-Dune Entertainment Llc)

Abbie Cornish (© Ben Rothstein, 2017 Warner Bros. Entertainment Inc., Skydance Productions, Llc And Ratpac-Dune Entertainment Llc)

Nel film sono passati due anni da quando la complessa rete di satelliti interconnessi – chiamata Dutch Boy – è diventata operativa. Due anni assolutamente tranquilli, fino a quel momento. Una serie di malfunzionamenti inspiegabili del sofisticatissimo sistema ora stanno provocando, invece di prevenire, catastrofi meteorologiche mai avvenute in passato: tempeste di ghiaccio e neve nei deserti dell’Afghanistan, crateri fumanti che si aprono lungo le strade di Hong Kong e cicloni in India, tanto per citarne alcune. Dutch Boy è fuori controllo e scatena il panico in tutto il mondo: “nel nostro film, un thriller politico arricchito di disastri innaturali, la scienza funziona – afferma il produttore David Ellisonmentre il problema è la gente che la controlla”.

Il coautore Paul Guyot ha apprezzato subito l’idea e ha iniziato a lavorare con Devlin: “il concetto di manipolare le condizioni meteorologiche con sistemi che sarebbero molto importanti per il benessere dell’umanità è fantastico. All’inizio è davvero una situazione formidabile, perché tutti lavorano insieme, gli Stati Uniti guidano l’impresa, la NASA la rende concreta e la Stazione spaziale internazionale la dirige. Per un certo periodo c’è davvero la pace sulla Terra. Poi arriva qualcuno che trasforma Dutch Boy in un’arma. Questa storia parla di una scienza che influenza ma non manipola le condizioni meteorologiche, basandosi sull’attuale tecnologia satellitare”.

Ed Harris e Jim Sturgess (© Ben Rothstein, 2017 Warner Bros. Entertainment Inc., Skydance Productions, Llc And Ratpac-Dune Entertainment Llc)

Ed Harris e Jim Sturgess (© Ben Rothstein, 2017 Warner Bros. Entertainment Inc., Skydance Productions, Llc And Ratpac-Dune Entertainment Llc)

Oltre a questo, Geostorm è anche un thriller che affronta il rapporto conflittuale tra due fratelli. Gerard Butler interpreta l’ingegnere Jake Lawson, l’ideatore di Dutch Boy, un uomo che non ama i giochi dei politici e che viene quindi allontanato quando il sistema diventa operativo. Jim Sturgess interpreta invece Max Lawson, il fratello minore di Jake e, ironia della sorte, suo boss. Riguardo alla dicotomia tra fratelli quest’ultimo osserva: “appariva chiaro come le loro due forti personalità si sarebbero scontrate nel bel mezzo di questa avventura spaziale mescolata a un intreccio politico che si sta consumando sulla terra. Due uomini molto diversi tra loro, con due visioni contrastanti che devono lavorare insieme per risolvere un problema, con il rischio di perdere tutto”.

“Le condizioni meteorologiche diventano una vera e propria arma in questo film, ma l’uomo è ancora in grado di controllarle”.

Ed Harris