(Photo by Mary Cybulski. © 2018 Twentieth Century Fox Film Corporation All Rights Reserved)

Melissa McCarthy è la controversa Lee Israel in Copia Originale

(Photo by Mary Cybulski. © 2018 Twentieth Century Fox Film Corporation All Rights Reserved)

Giovedì 21 febbraio arriva al cinema Copia Originale è il film di Marielle Heller con Melissa McCarthy (qui nominata all’Oscar come Miglior Attrice Protagonista) Richard E. Grant. La pellicola, candidata anche alla statuetta per la Miglior sceneggiatura non originale, è tratta dall’autobiografia Can You Ever Forgive Me? in cui la controversa e misantropa scrittrice Lee Israel racconta come è diventata protagonista di una truffa letteraria nella New York degli anni ’90.

Il film

Caustico e al tempo stesso di rara sensibilità – proprio come la protagonista che riuscì a mettersi nei panni di celebrità del mondo letterario e non solo falsificandone le lettere autografate da rivendere a collezionisti -, il film fa brillare i due attori protagonisti. Richard E. Grant veste i panni di Jack Hock, spalla di Lee Israel (Melissa McCarthy) e come lei solo ed emarginato dalla società nonostante la sua vitalità.

Lee Israel

Lee Israel è un’acclamata biografa che, tra gli anni Settanta e Ottanta, ha raggiunto il successo delineando le vite di Katherine Hepburn, Tallulah Bankhead, Estée Lauder e della giornalista Dorothy Kilgallen. Quando si ritrova a far fronte alle difficoltà di pubblicazione, perché ormai fuori dal mercato editoriale, Lee imprime un ardito e irreversibile cambiamento alla sua carriera: indirizza le proprie doti di scrittrice verso il crimine, il furto e l’inganno, con la complicità di Jack, suo amico fedele.

Richard E. Grant e Melissa McCarthy (Photo by Mary Cybulski. © 2018 Twentieth Century Fox Film Corporation All Rights Reserved)

Richard E. Grant e Melissa McCarthy (Photo by Mary Cybulski. © 2018 Twentieth Century Fox Film Corporation All Rights Reserved)

Due personaggi isolati

È un film su due personaggi isolati e solitari in una città piena di persone”: così l’attore britannico descrive Copia Originale, aggiungendo “si può percepire la loro profonda solitudine ma alla fine si trovano e stabiliscono un profondo legame”. Per Richard E. Grant, Jack Hock ha la personalità “di un Labrador Retriever. Pensa che piacerà a tutte le persone che incontra, ma a volte viene allontanato ed è solo. È un cocainomane cleptomane ma quando incontra Lee Israel instaurano questa platonica relazione d’amore e odio che secondo me è il cuore stesso di tutta la storia”.