Vox Lux 0

Natalie Portman, dalla cenere alla gloria nel Vox Lux di Brady Corbet

Oggi la grande attesa al Lido è Natalie Portman, protagonista di Vox Lux, il nuovo film diretto da Brady Corbet che sarà presentato in Concorso alla 75. Mostra del Cinema di Venezia. Nel cast anche Jude Law, Raffey Cassidy, Stacy Martin e Jennifer Ehle.

Natalie Portman in "Vox Lux"

Natalie Portman in “Vox Lux”

Vox Lux

Il film segue da vicino l’ascesa di Celeste (Natalie Portman) dalle ceneri di un’immensa tragedia nazionale a superstar pop. Il film abbraccia un arco di tempo di diciotto anni, dal 1999 al 2017, delineando alcuni importanti momenti culturali attraverso lo sguardo della protagonista.

Nel suo film precedente, The Childhood of a Leader, Brady Corbet ha raccontato una storia ambientata in Europa all’inizio del Ventesimo secolo. Testimone delle atrocità di un’epoca, il giovane protagonista del film è causa di altrettante atrocità perpetrate nell’epoca seguente. Il film era ispirato alle storie revisioniste di Robert Musil e W.G. Sebald, costrutti labirintici che concepiscono personaggi di fantasia nei panni di testimoni oculari di svolte storiche cruciali, o personaggi della vita reale calati in ambientazioni storiche alterate. Per Brady Corbet, questo Vox Lux è “la continuazione di quel tema ma sull’altro versante del secolo: un melodramma storico ambientato in America tra il 1999 e il 2017, che narra eventi cruciali e modelli culturali che ad oggi hanno plasmato la prima parte del XXI secolo, visti attraverso gli occhi della protagonista, una popstar di nome Celeste“.

"Monrovia, Indiana"

“Monrovia, Indiana”

Monrovia, Indiana di Frederick Wiseman 

Verrà invece presentato Fuori Concorso Monrovia, Indiana, il documentario diretto da Frederick Wiseman che esplora una cittadina del Midwest rurale americano mostrando come valori quali servizi sociali, doveri, vita spirituale, generosità e autenticità siano plasmati, percepiti e vissuti parallelamente a una serie di stereotipi contrastanti. Il film offre una carrellata complessa e variegata della vita quotidiana di Monrovia insieme alla visione di uno stile di vita la cui impronta e forza non sono state sempre apprezzate o comprese dalle grandi città della East e della West Coast americana così come in altri paesi. Il Maestro Wiseman ha spiegato: “Monrovia, nello Stato dell’Indiana, mi ha affascinato per le sue dimensioni (1400 abitanti), la sua ubicazione (non avevo mai diretto un film nel Midwest rurale) e gli interessi culturali e religiosi condivisi dalla comunità locale. Questo è un film sul risveglio. Soltanto quando ci saremo risvegliati potremo avanzare verso il futuro”.