Credit: Branko Starcevic / Focus Features

Non Sarai Sola, l’horror filosofico del visionario esordiente Goran Stolevski

Credit: Branko Starcevic / Focus Features

Scritto e diretto dal regista esordiente Goran Stolevski, giovedì 7 luglio nei cinema italiani uscirà Non Sarai Sola, il film horror vincitore del Premio Sundance: una storia inquietante, poetica e soprannaturale che si trasforma in una storia umana, intrisa di rituali e tradizioni macedoni. Nel cast, spicca Noomi Rapace.

Il film

Per secoli, le montagne macedoni hanno nascosto paurosi segreti soprannaturali, inclusa l’esistenza della “Vecchia Zitella Maria” (Anamaria Marinca), una strega incattivita la cui terribile storia terrorizza i bambini da 200 anni. Maria desidera ardentemente una figlia che le tenga compagnia. Tenta di rapire una contadina appena nata, Nevena (Sara Klimoska), costringendo la madre disperata della bambina a fare un patto terrificante: se alla madre è permesso di crescere la sua bambina, permetterà a Maria di prendere Nevena quando compirà 16 anni. Maria marchia la ragazza per suggellare l’accordo, rendendola muta. Al 16° compleanno di Nevena, Maria ritorna e trasforma la ragazza in una strega. Ma la maternità non è fatta per Maria, e alla fine abbandona Nevena dopo averle insegnato come assumere la forma di qualsiasi creatura che uccide. Abbandonata, la solitudine e la curiosità di Nevena per il mondo circostante la portano in un villaggio vicino.

Quando uccide accidentalmente una contadina, Bosilka (Noomi Rapace), prende il posto della donna nel villaggio. La vita è brutale e imprevedibile ma stranamente appagante per Nevena, finché non viene aggredita e uccide l’aggressore. Dopo aver abbandonato il suo corpo, seduce e uccide un bel giovane di nome Boris (Carloto Cotta), godendosi le libertà che le offre la vita nel corpo di lui. Quando una bambina di 10 anni viene gravemente ferita, Nevena coglie l’occasione per ricominciare da capo. Come Biliana, vive l’infanzia felice che le è stata negata. Quando raggiunge la giovane età, Biliana (Alice Englert) sposa Yovan (Félix Maritaud), un bel giovane del suo villaggio, e subito rimane incinta. Ma l’improvviso ritorno di Maria porterà Nevena a fare una sua scelta molto difficile.

Alice Englert - Credit: Branko Starcevic / Focus Features

Alice Englert – Credit: Branko Starcevic / Focus Features

Un’esplorazione degli esseri umani

Non Sarai Sola è un film che sposa i tropi dell’horror con la sensibilità d’essai e rappresenta un’esplorazione di ciò che significa vivere come un essere umano, visto attraverso gli occhi di uomini, donne e bambini. “Volevo prendere una premessa horror e trattarla come farei con qualsiasi cosa che sia guidata da personaggi e sentimenti – ha dichiarato Goran Stolevski ho pensato che l’orrore che emerge dovrebbe emergere da se stesso in modo organico, piuttosto che cercare di elevarlo. Mi sembra che rientri nella tradizione dell’horror, ma non vuole essere troppo spaventoso“. Semmai, Stolevski ha lavorato attivamente per minimizzare gli aspetti più terrificanti della storia. La sua sceneggiatura originale è stata scritta in “tre giorni molto intensi“, prima di dedicare tre settimane alla stesura di una sceneggiatura completa, per poi continuare a lavorare sulla storia fino alla conclusione del film. Le sue modifiche hanno continuato a spostare il film dall’horror al dramma umano filosofico.

Una prospettiva femminile

Stolevski ha detto di essere sempre stato attratto dalle streghe a causa del suo interesse per i film con personaggi femminili che non si adattano alle società in cui vivono: “tendo a scrivere molto di outsider, e mi collego maggiormente a questa prospettiva, tendo anche a scrivere soprattutto da prospettive femminili, perché sento che quei cervelli corrispondono ai miei – aggiunge Stolevski molti dei sentimenti a cui voglio collegarmi tendono a rientrare in quello che potrebbe essere descritto come un personaggio femminile“. Il film esplora così le contraddizioni insite nella vita umana dimostrando empatia anche verso i personaggi più crudeli, ma la prospettiva del personaggio di Nevena permette anche di esplorare il rapporto tra uomini e donne nella società rurale del film.

Sara Klimoska - Credit: Branko Starcevic / Focus Features

Sara Klimoska – Credit: Branko Starcevic / Focus Features

Fuori dal tempo

Una delle scelte creative più brillanti di Stolevski è stata la decisione di ambientare il film in un villaggio balcanico del 19° secolo, completamente lontano da qualsiasi tipo di cultura e saldamente ancorato a uno stile di vita obsoleto anche per gli standard del 1800. Le donne sono completamente sottomesse agli uomini e il villaggio sopravvive grazie a un’agricoltura di sussistenza, possibile solo attraverso un brutale lavoro manuale. La mancanza di qualsiasi tipo di influenza culturale riconoscibile ha dato vita a un’ambientazione che sembra completamente fuori dal tempo, consentendo al film di esplorare idee più ampie su cosa significhi essere umani che potrebbero essere applicate a quasi tutte le società della storia dell’umanità.