Ragazzi Interrotti 0 Maria Zeta

Ragazzi Interrotti, l’effetto della pandemia sui ragazzi in una serie in tv

Qual è stato l’impatto della pandemia sui teenager? Cos’è la Dad per loro? E cosa rappresenta la scuola nelle loro vite? Parte da qui Ragazzi Interrotti, la nuova serie short di Sky TG24 in onda dal 22 febbraio 2021 all’interno di tutte le principali edizioni del tg, e sempre disponibile sul sito skytg24.it, on demand e sui canali social.

Marwan

Marwan

La scuola e la sua assenza

L’adolescenza è il momento della costruzione della propria personalità. L’età della scoperta, della ricerca di libertà, indipendenza e socialità. Ma per gli studenti del 2020 le cose non sono andate proprio così: un virus sconosciuto, arrivato all’improvviso, ha stravolto tutto. Li ha chiusi nelle loro camerette, costretti dietro allo schermo di un device, privandoli della scuola e della quotidianità. La serie – a cura di Ilaria Iacoviello e Stefano Sassi, con la supervisione del direttore Giuseppe De Bellis e del vicedirettore Omar Schillaci e la regia di Francesco Venuto – in cinque puntate e con una narrazione senza filtri fatta dalla viva voce dei ragazzi, affronta uno dei temi più dibattuti della pandemia: la scuola e la sua assenza. Un dibattito su un problema sicuramente molto articolato e non semplice da risolvere, in cui però troppo spesso è rimasto sottotraccia proprio il punto di vista dei protagonisti: gli studenti che quelle scuola la animano e la vivono.

Cinque storie

Al centro loro: Alessia, Anita, Maria Zeta, Marwan, Mattia. E le loro emozioni. Cinque storie da tutta Italia, raccolte anche grazie alla collaborazione della community di Scuolazoo, in cui i ragazzi ripercorrono gli ultimi interminabili mesi: la riapertura a singhiozzo delle scuole, i problemi legati alla Dad, la solitudine, l’amicizia e l’amore vissuti solo virtualmente, il disagio psicologico, l’incertezza di non sapere cosa succederà domani. C’è chi a 12 anni ha deciso di protestare con il banco davanti alla scuola per tornare in presenza, chi, dopo mesi in cui “il pigiama è diventato una seconda pelle”, ha combattuto l’apatia impegnandosi per le persone in difficoltà. Ma c’è anche chi, dopo mesi di crisi, ha abbandonato (almeno momentaneamente) il percorso scolastico.

Mattia

Mattia

L’importanza di crescere

Tutti hanno provato con tenacia e determinazione ad affrontare questa “nuova normalità”. E tutti concordano su una cosa: magari la Dad è più semplice, si copia meglio e si prendono voti migliori, ma la scuola non è solo didattica. È la complicità con i compagni, la ricreazione, le chiacchiere, gli scherzi e le risate. È il sapersi mettere alla prova, confrontare con gli altri, accettare (e magari vincere) le proprie fragilità. In una sola parola: crescere.