Rc_ferretti_cavallo

Res Creata, il complesso legame tra Uomo e Animale

Res Creata, il documentario diretto da Alessandro Cattaneo (che lo ha scritto con Silvia della Sala), è stato selezionato per l’edizione 2021 della rassegna A Tutto Schermo, organizzata dalla Rete degli spettatori, che si terrà online (sulla piattaforma MyMovies) dal 12 febbraio, fino a marzo 2021. Res Creata è il termine con cui in latino è indicato l’insieme unico e indistinto delle creature viventi. Il documentario racconta l’antico, contraddittorio e variegato rapporto tra essere umano e animale. Il cantautore Giovanni Lindo Ferretti è protagonista di questo viaggio originale che, attraverso un intreccio di storie, racconta l’antico e complesso rapporto tra essere umano e animale.

Rc_balena

Res Creata

Le montagne dell’Appennino tosco-emiliano e un cantautore iconico, Giovanni Lindo Ferretti, che ha scelto di vivere il calore della stalla come fecero i suoi antenati. Un falco seguito dal suo giovane amico in un vigneto nebbioso. Coraggiosi cavalli e cavalieri che nella Sardegna più remota si lanciano in corse acrobatiche. Una spontanea processione umana in visita ad una balena arenata sulla battigia. Serpi riconciliatrici in un rito religioso. Un giovane pastore che in un’Italia ancora ferita dal terremoto ha scelto di dedicare la sua vita alla cura del gregge. Queste e altre storie compongono Res Creata, un’opera che esplora l’antico e contraddittorio rapporto tra umano e animale, fatto di curiosità, meraviglia e amore, ma anche sfruttamento e bisogno. Un viaggio originale tra atmosfere inedite, per scoprire il valore di questa affascinante coesistenza.

Rc_serpari

Alessandro Cattaneo racconta…

Il film approfondisce le sfumature della relazione uomo animale attraverso le parole di una serie di personaggi che in modi differenti sono prossimi a questa tematica. Dal punto di vista visivo il film trae la sua unicità e la sua forza dal mostrare storie originali ed inedite, in cui uomo ed animale si trovano ad essere attori compartecipi di un comune destino. Un registro visivo intimo ed evocativo, per un film contemporaneamente tenero, filosofico, antropologico e libero. Io e la co-autrice Silvia della Sala condividiamo uno spiccato interesse per le tematiche antropologiche e filosofiche ed una conoscenza della letteratura sul rapporto tra gli umani e la natura. Abbiamo approcciato il tema in modo contemporaneo e sfaccettato, con lo scopo e l’intenzione di fornire un punto di vista innovativo sul tema.