(Foto di Kimberley Ross)

Rigoletto 2020, dal Circo Massimo al documentario di Enrico Parenti

(Foto di Kimberley Ross)

Oggi 169 anni dopo il debutto veneziano del 1851, Rigoletto rivive a Roma dopo l’emergenza della Covid-19 in un allestimento imponente e visionario al Circo Massimo. Lo spettacolo – che andrà in onda in diretta alle 21 giovedì 16 luglio su Rai 5 – è stato diretto da Damiano Michieletto, affiancato da uno dei più importanti direttori d’orchestra contemporanei, Daniele Gatti. Dall’unicità storica e dalla maestosità di questo evento, Indigo Film in collaborazione con il Teatro dell’Opera di Roma ha deciso di immortalare, attraverso un film documentario affidato a Enrico Parenti, lo sviluppo di questo progetto ambizioso.

Enrico Parenti sul set (foto di Kimberley Ross)

Enrico Parenti sul set (foto di Kimberley Ross)

L’allestimento del Rigoletto al Circo Massimo con la regia di Damiano Michieletto diventerà l’occasione per Enrico Parenti di realizzare un film documentario su quella che per molti aspetti si presenta come una delle più grandi sfide di questo tempo: riuscire a mettere in scena in una delle location più belle al mondo una delle opere liriche più rappresentate nella storia, in un momento estremamente difficile per gli eventi dal vivo, a causa delle normative anti-Covid. Si tratterà dell’unica nuova regia operistica che verrà allestita nell’estate 2020 da un teatro d’opera. Michieletto, da sempre attratto dalle sfide impossibili, riuscirà a trasformare i limiti imposti in occasioni creative? La scelta di attualizzare un’opera classica così famosa come il Rigoletto sarà capace di una lettura critica del presente? Queste sono solo alcune domande che muoveranno lo sguardo del pluripremiato documentarista Enrico Parenti che racconterà questa avventura nel suo farsi, scoprendone gli ingranaggi artistici, psicologici ed emotivi.