EScape Plan 3 9-21-17-07677.ARW

Sylvester Stallone pronto per L’Ultima Sfida in Escape Plan 3

Giovedì 4 luglio arriverà al cinema Escape Plan 3– L’Ultima Sfida, ultimo capitolo – diretto da John Herzfeld (che ha sostituito Steven C. Miller, regista del precedente episodio Escape Plan 2 – Ritorno All’Inferno– del fortunato franchise action iniziato nel 2013, vede nuovamente Sylvester Stallone vestire i panni dell’esperto di sicurezza Ray Breslin. Ad affiancare Stallone in questa nuova missione, ritroviamo Dave Bautista nei panni di Trent Derosa, sempre più legato alla Breslin Security ma contemporaneamente attento a mantenere la propria indipendenza e la sua semi-segreta carriera da mercenario. Insieme a loro anche l’immancabile Curtis “50 Cent” Jackson che interpreta l’esperto di sorviglianza Hush. Nel cast sono stati inoltre confermati Lydia Hull e Tyler Jon Olson mentre si sono aggiunti Max Zhang, Devon Sawa, Harry Shum Jr., Malese Jow e Sergio Rizzuto.

Il film

Escape Plan 3 – L’Ultima Sfida, vede Ray Breslin (Sylvester Stallone) e Trent DeRosa (Dave Bautista) unire le forze, insieme ad Hush (Curtis “50 Cent” Jackson), per salvare un membro del loro team (Jaime King), tenuta prigioniera in un penitenziario conosciuto come Prigione del Diavolo, dal quale nessuno è mai riuscito a fuggire.

Girato nell’inquietante Ohio State Reformatory, un vero e proprio carcere costruito nel 1886, Escape Plan 3 – L’Ultima Sfida ritrova la squadra della Breslin Security impegnata nel salvataggio, non solo della fidanzata del maestro di arti marziali Shen Lo, ma anche di Abigail Ross membro del team e compagna di Ray. Colpito nel profondo, Ray dovrà fuggire da una fortezza raccapricciante insieme agli ostaggi e, allo stesso tempo, fronteggiare una sua vecchia conoscenza avida di vendetta.

Escape Plan 3 9-20-17-0838.RAF

Come dichiarato dallo stesso Sylvester Stallone, con Escape Plan 3 – L’Ultima Sfida c’è un ritorno ai grandi film d’azione hardcore. Ma il film, pur spingendo molto sulla spettacolarità delle sequenze action, non solo riprende tematiche già sviluppate all’interno dei due capitoli precedenti, ma ha anche una parte dai risvolti più profondi e personali per il personaggio di Ray e tutto il suo team.