Sagome- scomparsa.mp4-1

Testimonials: Cinema e Giornalismo nel 10° TamTam DigiFestival

Da oggi al 13 dicembre a Viterbo – presso lo Spazio Attivo del BIC Lazio (via Faul 22), prende vita il TamTam Digifestival con Testimonials, quattro giorni di proiezioni, mostre e incontri che festeggiano 10 anni di Cinema e Giornalismo. Ogni giornata proporrà una tematica: Guerra alla Tv Spazzatura (10 dicembre); Come Salvare il Giornalismo d’Inchiesta (11 dicembre); La Guerriglia Mediatica – Come Beffare i Media (12 dicembre) e Apocalypse Wow – Com’è Bella la Fine di un Mondo (13 dicembre).

"La Scomparsa dell'Auditel"

“La Scomparsa dell’Auditel”

Il Tam Tam DigiFest è nato 10 anni fa da una convinzione: che l’informazione e la comunicazione sono un bene comune, che il loro corretto flusso è vitale per ogni forma di democrazia e una distorsione di questo flusso suscita naturalmente inquietudine e preoccupazione”. Con queste parole presenta il Festival il Direttore Artistico, oltre che regista e produttore, Giulio Gargia.

Una rassegna che è diventata quanto mai necessaria: “Come rispondere a questa necessità ? Cercando nelle occasioni di innovazione tecnologica ( corti su Internet, film sui cellulari, digitale terrestre ) il modo per alimentare quelle risorse creative della narrazione per immagini che il  mondo del cinema tradizionale ormai non riesce più a soddisfare”.

"E' Stato Morto un Ragazzo" di Filippo Vendemmiati

“E’ Stato Morto un Ragazzo” di Filippo Vendemmiati

Gargia – che presenterà anche i corti da lui diretti Il Fantasma dell’Auditel, La Scomparsa dell’Auditel (questi due, entrambi tratti dal libro L’Arbitro è il Venduto), Gli Ammutinati dell’Auditel e due animazioni, La Filosofia del Gatto (insieme a Patrizia Di Terlizzi) e Il Vulcano Prossimo Venturo: Cronache Eruttive – ha spiegato che quello “che abbiamo fatto e che faremo, infatti,  si sviluppacome già negli anni scorsi – dentro le dinamiche di un cambiamento epocale in atto nel mondo del cinema, della narrazione per immagini, così profondo che non può ancora essere percepito in tutte le sue implicazioni”.

Si può invece equiparare – per qualità e importanza – al passaggio dal cinema muto a quello sonoro, dalla Tv in bianco e nero a quella a colori: “è il percorso che tramite le nuove tecnologie digitali, porterà “Il cinema fuori dai cinema”, inventando forme di narrazioni per immagini per i nuovi media: già adesso si può vedere un film o parti di esso con i cellulari, si può girare un film con i telefonini, è possibile assistere a una proiezione trasmessa via satellite con una macchina in alta definizione, in cui la pellicola non c’è più”.

"Free Rainer - Attacco all'Auditel"

“Free Rainer – Attacco all’Auditel”

Nuove forme che cambieranno profondamente modi di produzione e modi di percezione della narrazione per immagini: “non c’è da celebrare né da esorcizzare, c’è da capire cosa sta accadendo: il nostro Festival indagherà su questa nuovissima realtà, andando a riempire uno spazio ancora vuoto, dove l’interazione con le tecnologie virtuali promette interessantissime ricadute sociali, turistiche  e occupazionali” conclude Gargia.

Info e programma dettagliato su: www.tamtamdigifest.it