The Farewell 0

The Farewell, la bugia buona di Lulu Wang

Dopo le anteprime al Sundance Film Festival e alla Festa del Cinema di Roma, martedì 24 dicembre arriva nelle nostre sale The Farewell – Una Bugia Buona, il film scritto e diretto da Lulu Wang che ha creato un’esperienza vitale e dinamica di vita familiare, che ci pone una domanda solo apparentemente semplice: è giusto nascondere la verità alle persone amate?

Il film

Billi (Awkwafina), nata in Cina e cresciuta negli Stati Uniti, tornata a malincuore a Changchun, scopre che in famiglia tutti sanno che alla sua amata nonna restano solo poche settimane di vita, ma hanno deciso di tenere nascosta la verità alla diretta interessata. Per proteggere la sua serenità, si riuniscono con il festoso espediente di un matrimonio affrettato. Avventurandosi in un campo minato di aspettative e convenevoli di famiglia, Billi scopre che, in realtà, ci sono molte cose da festeggiare: l’occasione di riscoprire il Paese che ha lasciato da bambina, il meraviglioso spirito di sua nonna e i legami che continuano ad unire anche quando c’è molto di non detto.

La bugia in azione

Con The Farewell – Una Bugia Buona la sceneggiatrice/regista Lulu Wang ha creato un’intima celebrazione del ruolo che ognuno di noi ha nella famiglia e, insieme, del modo in cui la viviamo nel profondo, intrecciando con maestria il ritratto garbatamente ironico della bugia in azione e il racconto toccante di ciò che nella famiglia può unirci e renderci più forti, spesso a dispetto di noi stessi. Wang tratta il tema con un misto di leggerezza e gravità che rispecchia le emozioni che si provano in certe riunioni familiari a cui non si è sicuri di riuscire a sopravvivere, e che pure restano indimenticabili.

The Farewell 1

Lulu Wang racconta…

Nei film sui segreti o le bugie di famiglia ricorre sempre il tema della grande catarsi che si prova nel momento in cui la verità è finalmente svelata. Con The Farewell – Una Bugia Buona volevo dimostrare l’esatto contrario. Il film non giudica nessuno e non giudica la decisione della famiglia di nascondere la verità alla matriarca. Nessuno fa la parte del cattivo in questa famiglia. Per me si tratta di una storia sui “linguaggi dell’amore”, sui diversi modi culturali e individuali di esprimere l’amore e le tante incomprensioni che ne derivano, soprattutto all’interno delle famiglie di oggi che vivono a cavallo tra culture diverse. Ma le cose che comunichiamo nascono pur sempre dall’amore, e se questo amore non si esprime nel modo in cui vorremmo o ci aspettiamo di sentirlo non vuol dire che gli altri non ci vogliono bene. A volte le cose più importanti in una famiglia sono le cose non dette”.