© Michael Wharley Flying Castles

Giorni D’Estate, magia e speranza nel debutto alla regia di Jessica Swale

© Michael Wharley Flying Castles

Giovedì 25 agosto arriverà nelle sale Giorni D’Estate, il debutto alla regia di Jessica Swale, un dramma bellico ambientato nel passato, ma con una sensibilità contemporanea debutto. La pellicola esamina i temi profondi della fede, della spiritualità, della perdita e delle credenze legate alla “Terra d’estate”, una concettualizzazione dell’aldilà che è stata a lungo utilizzata nel paganesimo.

Il film

Ambientato nel corso di una lunga e memorabile estate inglese (negli anni ‘40, ‘20 e ‘70) nella campagna del Sussex, il film racconta la storia di Alice (Gemma Arterton), una donna solitaria che ha chiuso il suo cuore al mondo. Studiosa di folclore, è una donna fiera e indipendente, che si ritira nel suo studio in cima alla scolgiere per eseguire le sue ricerche: vuole sfatare alcuni miti utilizzando la scienza per confutare l’esistenza della magia. Alice è pienamente assorbita dal suo lavoro, ma è anche profondamente sola ed è perseguitata da una storia d’amore del passato. Quando il giovane e vivace Frank (Lucas Bond), un ragazzo spaventato e innocente sfollato dai bombardamenti di Londra, viene affidato alle sue cure, la sua innocenza e curiosità risvegliano in Alice emozioni sepolte nel profondo. Con Vera (Gugu Mbatha-Raw) vivrà una nuova storia d’amore. E abbracciando coraggiosamente la miracolosa imprevedibilità della vita, Alice impara che le ferite possono essere guarite, che le seconde occasioni esistono e che, forse, esiste davvero anche la magia.

Jessica Swale racconta…

“Mi hanno chiesto: quali sono i temi che ti stanno a cuore? Qual è il film che non hai mai visto e che pensi dovrebbe essere al cinema? Bè, voglio davvero scrivere di fantasia e speranza. Voglio fare un film che possa piacere alla gente. Volevo fare un film che avesse un messaggio importante sull’apertura mentale e sul modo in cui l’innocenza, la veridicità e la semplicità possano in realtà semplificare tutti i nostri pregiudizi e preconcetti”.

© Michael Wharley Flying Castles

© Michael Wharley Flying Castles

La Terra d’estate è un’idea pagana sul significato di paradiso. È un’idea di un luogo che esiste accanto al nostro. E l’idea che si possa comunicare tra la Terra d’estate e la vita normale lasciando dei segni o alterando i confini è qualcosa che non è specificamente pagano, che è preso in prestito da una serie di molti miti e leggende diverse. Si tratta piuttosto di ciò che la Terra d’estate rappresenta: la possibilità di qualcosa al di là e di qualcosa di magico”.