Killing Time

Il Piccolo Cinema al Risorgimento, quattro documentari per vederci meglio

Tra luglio e agosto ci saranno quattro appuntamenti di cinema – tutti di martedì sera alle 21.30 – presso il Circolo Arci Risorgimento di Torino (Via Poggio 16) con la rassegna Il Piccolo Cinema al Risorgimento. Documentari Per Vederci Meglio ideata e diretta dai fratelli registi De Serio.

"Fuori Tutto" di

“Fuori Tutto” di Gianluca Matarrese

Il Piccolo Cinema al Risorgimento

Il Piccolo Cinema al Risorgimento: un titolo che tiene insieme la dimensione intima e domestica, piccola, e il grande bisogno di “risorgimento”, rinascita dopo lockdown e pandemia.  L’obiettivo è continuare a offrire una proposta cinematografica gratuita, aperta a tutti, «per un mutuo soccorso cinematografico attraverso la grande capacità del cinema documentario indipendente di vedere nella realtà, insieme e dentro alla realtà». Per questi motivi, ogni film viene accompagnato dal regista o da un professionista che ha lavorato al lungometraggio. Tutto nella cornice a cielo aperto del cortile dello storico circolo del Risorgimento: «L’idea è di proporre riflessioni, visioni e una nuova socialità che si nutre del cinema per comprendere meglio il mondo di oggi» spiegano i fratelli De Serio.

.

“Selfie” di Agostino Ferrente

Film, ospiti e date

I film proposti saranno, dunque, quattro diversi sguardi sul mondo: il 14 luglio Fuori Tutto, di Gianluca Matarrese, delicato ritratto della famiglia del regista, alle prese con la propria azienda indebitata: presente alla serata sarà la montatrice Cristina Sardo. Il film ha vinto il premio di miglior doc al Tff 2019. Il 21 luglio sarà la vota del webdoc sperimentare interattivo Babel, un viaggio all’interno di una comunità di richiedenti asilo in attesa del colloquio con la commissione, insieme ai registi Manuel Coser, Andrea Grasselli e Guido Nicolas Zingari. Il 28 luglio verrà a Torino il regista bergamasco Andrea Zambelli, con il suo film Killing Time (foto copertina) girato per 18 mesi all’interno di un campo profughi greco. Infine, il 4 agosto, sarà il film vincitore del David di Donatello come miglior doc italiano Selfie, auto-ritratto in formato portatile di due ragazzi della periferia di Napoli, diretto da Agostino Ferrente.