STAR TREK BEYOND

J.J. Abrams passa Star Trek Beyond a Justin Lin

Per tutti i fan di Star Trek, questo assolato e caldo luglio sta diventando sempre più bollente anche per l’arrivo nelle sale – a partire dal 21 luglio, distribuito dalla Paramount – di Star Trek Beyond, la tredicesima pellicola di questo straordinario franchise e terzo capitolo della serie reboot voluta da J.J. Abrams nel 2009. Il film, diretto da Justin Lin, vede nuovamente all’opera il cast formato da: Chris Pine, Zachary Quinto, Simon Pegg, Karl Urban, Zoe Saldana, John Cho e il compianto Anton Yelchin, scomparso tragicamente lo scorso 19 giugno. A tutti loro, che interpretano i personaggi dei precedenti film, si aggiungono Idris Elba e Sofia Boutella.

La trama di questo nuovo episodio vede la USS Enterprise – durante il suo viaggio quinquennale di esplorazione degli angoli più remoti dello spazio sconosciuto – subire un violento attacco da parte di alieni che distruggono la nave. L’equipaggio superstite dovrà effettuare un atterraggio d’emergenza su un pianeta in cui ci sarà da affrontare un nuovo e pericoloso nemico, che metterà a rischio loro e tutto ciò che la Federazione rappresenta.

L’esito potremo scoprirlo solo al cinema domani, un giorno prima della distribuzione statunitense che avverrà un giorno dopo rispetto all’Italia: il 22 luglio. Una scelta non casuale in quanto in quella data ricorre il 50° anniversario della prima messa in onda della serie televisiva ideata da Gene Roddenberry.

Star Trek Beyond 2

Prendere parte alla realizzazione di Star Trek è stata una delle esperienze più fortunate della mia vita“, racconta il produttore J.J. Abrams, l’uomo responsabile del reboot della così tanto amata saga di fantascienza, che celebra il suo 50° anniversario quest’anno: “Gene Roddenberry ha creato questo mondo straordinario che siamo entusiasti di esplorare ancora ed ancora“.

Dopo aver occupato la sedia del regista per due film, Star Trek del 2009 e Into Darkness – Star Trek del 2012, Abrams e il suo team hanno scelto di affidare a Justin Lin, un veterano della serie cinematografica Fast & Furious, il compito di dirigere Beyond: “Justin ha dimostrato più e più volte le sue grandi capacità di narratore – spiega Abrams – ma quello che mi ha colpito principalmente è stato il suo amore sincero nei confronti di Star Trek. Sapevo che sarebbe stato in grado di gestire perfettamente le sequenze d’azione, ma ciò che mi entusiasmato maggiormente è stato sentirlo parlare dei vari personaggi come se fossero persone reali che conosceva“.

Zoe Saldana

Zoe Saldana

Cresciuto negli anni ’80, Justin Lin ricorda le repliche di Star Trek come un consueto appuntamento per la sua famiglia: “Star Trek è unico perché è transmediale – spiega – avendo lavorato in televisione, ho compreso bene la sfida che J.J. aveva raccolto nel rilanciare qualcosa di episodico per portarlo sui grandi schermi di tutto il mondo. Abbiamo discusso a lungo sul come bilanciare il tipo di azione che ci si può aspettare in un grande film per poter mantenere l’essenza e il nucleo dello show“.

Il primo film ruotava tutto attorno alla formazione del gruppo che sarebbe diventato questa famiglia; il secondo verteva su come si sarebbe galvanizzato a trovandosi a confronto con una nuova minaccia – spiega ancora Abramsentrambi erano in definitiva legati alla Terra, e dunque questa è la prima volta che vediamo i membri dell’equipaggio impegnati nella loro missione quinquennale. E’ arrivato il momento di vedere l’Enterprise alle prese con il tipo di avventure associate alla serie originale, nei più remoti recessi della galassia“.

Zachary Quinto

Zachary Quinto

Uno dei punti della trama di maggiore effetto e che cambia radicalmente il corso del film è proprio la distruzione della nave stellare Enterprise, con il conseguente atterraggio dell’equipaggio su un pianeta alieno inesplorato: “la posta in gioco era al massimo – conclude J.J. Abrams dopo aver visto l’Enterprise andare in pezzi, l’equipaggio viene sparpagliato in tante diverse direzioni e costretto a sopravvivere e a ricongiungersi ai compagni. È meraviglioso, perché vediamo come queste coppie separate si sforzino di collaborare per raggiungere un obiettivo comune”.

“C’è qualcosa in Star Trek di forte e ottimista e dolce ed emozionante e scioccante e sorprendente e, a volte, straziante”.

J.J. Abrams