la-vita-in-comune-0

La Vita in Comune, la comunità rinata di Edoardo Winspeare

Simultaneamente alla presentazione in Concorso nella categoria Orizzonti della 74. Mostra del Cinema di Venezia, esce oggi al cinema La Vita in Comune, film scritto e diretto da Edoardo Winspeare.

A Disperata, un piccolo paese del sud Italia dimenticato da Dio, il malinconico sindaco Filippo Pisanelli (Gustavo Caputo) si sente terribilmente inadeguato al proprio compito. Solo l’amore per la poesia e la passione per le sue lezioni di letteratura ai detenuti gli fanno intravedere un po’ di luce nella depressione generale. In carcere conosce Pati, un criminale di basso calibro del suo stesso paese.

Il sogno di Pati (Claudio Giangreco) e di suo fratello Angiolino (Antonio Carluccio) era di diventare i boss del Capo di Leuca, ma l’incontro con l’arte cambia tutti, e così un’inconsueta amicizia tra i tre porterà ciascuno a compiere delle scelte coraggiose: i due ormai ex banditi subiranno una vera e propria conversione alla poesia e alla bellezza del Creato, mentre il sindaco troverà il coraggio per difendere delle idee, forse folli, ma per cui vale la pena battersi. La ricomparsa della foca monaca sarà il segno che qualcosa è cambiato. La vita del timido Filippo è ormai capovolta e lui ci si butta dentro con un tuffo, finalmente circondato non da paure ma da un silenzio pacifico. Questa inconsueta relazione non cambierà solo i tre amici bensì sarà anche foriera di una rinascita civile per la piccola comunità di Disperata.

la-vita-in-comune-1

Pati, Angiolino, Eufemia, Biagetto e Filippo esistono veramente: sono proprio così, o – forse meglio – potrebbero essere così come descritti nella sceneggiatura. Le loro ambizioni, i loro sogni – come diventare i mammasantissima del più povero e depresso paesino di Puglia, aspettare la foca monaca, iniziare alla poesia alcuni detenuti, desiderare di fare il bidello, attendere con ansia una telefonata del Papa, costruire lo zoo di Disperata – hanno il sapore di una visionarietà quotidiana, senza la retorica che spesso accompagna tali gesta quando compiute da eroi riconosciuti dal mondo intero.

“La Vita in Comune siamo noi, uomini generosi e miseri, quando decidiamo di stare insieme, magari provando a sognare”.

Edoardo Winspeare