cop-Love and Mercy

Love and Mercy, genio e follia di Brian Wilson

Oggi al cinema arriva Love And Mercy, l’atteso biopic su Brian Wilson – l’enigmatico cantante, compositore e co-fondatore dei Beach Boys – diretto e prodotto da Bill Pohlad. Protagonisti della pellicola sono John Cusack, Paul Dano, Elizabeth Banks e Paul Giamatti.


Alla luce del pensiero rivoluzionario di Wilson che ha definito un’epoca della musica, il film esamina il viaggio personale dell’icona il cui successo internazionale è stato ripagato con un prezzo personale estremamente alto. Realizzato con la piena collaborazione del musicista e della moglie, Love and Mercy offre un ritratto inedito di Wilson, ragazzo prodigio che co-compose alcune delle hit più spumeggianti del pop come Surfer Girl e Fun, Fun, Fun e capolavori che hanno cambiato la storia della musica come Good Vibrations e God Only Knows, prima di ritirarsi dalla scena pubblica per molti anni.

Gli attori Paul Dano e John Cusack condividono il ruolo del problematico virtuoso della musica che definì il “California Sound” attraverso sontuose armonie e visioni di estati infinite all’insegna del surf e dalla sabbia. Percorrendo più di trenta anni della vita di Wilson, il film rivela il lato più oscuro e più complesso della storia che giace dietro la felice apparenza di una musica spensierata e baciata dal sole, inclusa la battaglia di Wilson contro la malattia mentale e gli abusi di droga, i suoi anni sotto l’influenza del terapista Eugene Landy (Paul Giamatti) e la relazione redentiva con Melinda Ledbetter (Elizabeth Banks), il tutto incorniciato nel contesto della sua impareggiabile vita da musicista.

Paul Dano

Paul Dano

Nei primi anni del 1960, i Beach Boys cavalcarono l’onda del successo con la loro orecchiabile e positiva ode al divertimento, partendo dall’assolata California fino ad arrivare alla fama su scala internazionale. Dal 1966, il gruppo musicale ha accumulato tantissime hit e milioni di ferventi fan sparsi in tutto il mondo: finché, ad un certo punto, il visionario della musica e cofondatore Brian Wilson decise di smettere di prendere parte ai tour con il gruppo. Preferì restare all’interno dello studio di registrazione a sperimentare nuovi ritmi al fine di creare quello che in molti pensano essere uno dei più innovativi e influenti album musicali di tutti i tempi: “Pet Sounds”.

La scoperta musicale, creativa e profonda concise con un esaurimento mentale che lo accompagnò per decenni, fino all’incontro fortuito con Melinda Ledbetter, la donna che sarebbe diventata la sua anima gemella, la sua “custode” e la sua futura moglie. Il regista Bill Pohlad ha raccontato la storia dell’incredibile evoluzione da primo corista a icona leggendaria del pop di Wilson, in un film anticonformista e rivelatore: “non amo particolarmente i film biografici, cercare di comprimere tutti i battiti e i frammenti di una vita in due ore, era qualcosa che non mi interessava affatto. Volevo mostrare gli aspetti più veri e umani della vita Brian Wilson, non il suo essere una celebrità. Il film vuole essere pertanto il ritratto di una persona vera. Quest’uomo ha vissuto molti eventi eccezionali, altri meno eccezionali, e per questo non era possibile approcciarsi alla sua storia nel modo più tradizionale”.

Paul Giamatti

Paul Giamatti

Dopo dieci anni di riprese, Love and Mercy ha portato alla luce gli aspetti meno noti della vita dell’artista, svelando il dramma che si svolgeva dietro le quinte, quando il giovane musicista iniziava a esplorare le profondità del suo prodigioso talento e allo stesso tempo combatteva contro le sue insicurezze più radicate e l’infermità mentale. “Il film cerca di scavare nel profondo di Brian e di esaminare ciò che lo ispirava – afferma Pohladnegli anni mi sono interessato sempre di più alla genialità della musica di Brian, soprattutto di ‘Pet Sounds’; ma più che la sua musica, devo ammettere che sono stati il suo vissuto e le sue battaglie personali ad attrarmi maggiormente”.

A livello personale, per Brian si tratta del punto in cui iniziò ad allontanarsi dalla musica del surf e iniziò a sperimentare qualcosa di differente. Nella sua testa si formarono armonie complesse che nessun altro poté comprendere fino alla loro scrittura. Il rovescio della medaglia fu che ormai non poté più tornare indietro alla musica di prima. “Ero così affascinato dall’idea che Melinda incontrasse in modo casuale un individuo così strano e problematico – continua il regista – non aveva idea di chi fosse, ma era estremamente colpita dal suo fascino. Un giorno scoprì che egli era Brian Wilson e da quel giorno le loro vite cambiarono per sempre. Questi due eventi sono il punto di riferimento delle due principali linee guida del racconto”.

John Cusack e Elizabeth Banks

John Cusack e Elizabeth Banks

Saltando avanti e indietro nel tempo, Love and Mercy cattura la vita del giovane Wilson a metà degli anni Sessanta, le sue battaglie contro un padre dispotico, i compagni di gruppo titubanti e la propria psiche complessa da dipanare, così come gli atroci anni di dipendenza, malattia e isolamento e la sua storia d’amore in età adulta con Melinda Ledbetter, la cui devozione e intuizione lo liberò dal controllo di un controverso psicoterapista: “grazie alla relazione con lei, egli riscoprì lentamente il suo lato migliore e, soprattutto, come la musica seppe rimettere insieme tutti i suoi pezzi:  Melinda lo introdusse nel terzo atto della sua vita, quello della redenzione”.

“Love and Mercy vuole essere un ritratto sfaccettato di un vero Americano, che porta lo spettatore in un avvincente viaggio nella vita e nella mente di Brian Wilson”.

Bill Pohlad