Poems 1

Poems, la nuova serie antologica con i corti di Susana Lastreto Prieto e Loris Abrignani

Dopo Italian Episodes, su Amazon Prime Video è ora disponibile Poems, una serie antologica con i cortometraggi dei registi italiani indipendenti: brevi racconti poetici, storie intimiste narrate con uno sguardo espressivo. La stagione di Poems è composta da due episodi: Volga Clandestine e Reuza. Due cortometraggi indipendenti diretti rispettivamente da Susana Lastreto Prieto e Loris Abrignani, che affrontano l’arte nella sua forma più surreale ed ipnotica, attraverso un viaggio tra sogni ed emozioni.

Poems

Volga Clandestine

Un cortometraggio di 12 minuti, girato integralmente in bianco e nero (foto copertina), con una regia e una fotografia da cinema classico del Novecento. François vive a Parigi ed è il protagonista dell’opera di Susana Lastreto Prieto, regista di origini italiane, nata in Argentina e vissuta in Uruguay. È un uomo che soffre di solitudine, e che coltiva la speranza di incontrare una donna di cui innamorarsi. Finché un giorno non viene invitato da una coppia di amici che vive in una barca sulla Senna. E mentre “sulla terraferma si muore di solitudine”, François inizierà a sognare di vivere sull’acqua.

Reuza

L’opera di Loris Abrignani, Aron Aboukhalil e Marco Spinetti racconta invece l’avventura di Jared, che seguirà un coniglio bianco fino a ritrovarsi in una casa sperduta nel bosco. Al suo interno, una storia tutta da scoprire. Due ragazze, due facce della stessa medaglia: Rosa e Bianca. Due opposti il cui compromesso farà smarrire loro la via. Le atmosfere, la fotografia onirica e il lirismo delle musiche di Aboukhalil conferiscono a Reuza tutta la potenza di un’opera surreale e poetica.

"Reuza"

“Reuza”

Trasformare un corto in serie

Poems è stata ideata e distribuita da Direct To Digital seguendo un obiettivo, ovvero quello di trasformare un cortometraggio in una serie. Il rischio che i cortometraggi rimangano racconti isolati nella produzione di un regista è sempre alto: ma cosa succede se, invece, vengono inseriti nella categoria “Serie Tv” di un colosso dello streaming come Amazon Prime Video? La formula adotta è senza dubbio innovativa.