unnamed

Da Herbert a Jodorowsky, Lynch e Villeneuve: a Milano arriva Dune – La Saga

Dal 4 al 7 dicembre 2021 Cineteca Milano MEET propone Dune – LA Saga, con gli adattamenti cinematografici più famosi: quello di Jodorowsky mai portato a termine a metà anni ’70, quello di Lynch del 1984 e quello di Villeneuve del 2021. Pubblicato nel 1965, Dune di Frank Herbert vinse il premio Nebula e il premio Hugo, i massimi riconoscimenti attribuiti alla narrativa scientifica. L’affascinante epopea fantascientifica, oltre ad aver influenzato numerosissime opere, ha ispirato diversi adattamenti tra cinema, televisione, musica e videogiochi. 

JODOROWSKY'S DUNE - Original Dune poster

Del 2013 è Jodorowsky’s Dune di Frank Pavich, il documentario acclamato dalla critica che immortala il grandioso progetto di Jodorowsky su Dunemai compiuto. Le musiche avrebbero dovuto essere dei Pink Floyd, il cast avrebbe dovuto comprendere, tra gli altri, Mike Jagger, Orson Welles, Gloria Swanson e Salvador Dalì nei panni dell’imperatore. Tuttavia, il progetto che aveva in mente Jodorowsky risultò troppo oneroso. L’autore del romanzo lasciò molta libertà al regista, che realizzò uno storyboard imponente per un totale di 14 ore di girato. Oltre all’eccessiva durata, Herbert non riuscì a trovare i fondi necessari per portare a termine il progetto. Nel 1976, quindi, nonostante i milioni già spesi per la preparazione, la produzione dovette fermarsi. 

L’adattamento di David Lynch del 1984, commissionato da Dino De Laurentiis, non ebbe i risultati sperati a causa di notevoli tagli apportati al film, ma divenne poi un cult movie radicandosi in un certo modo nella cultura. Infatti, dall’opera nacque una linea di giocattoli e ne vennero realizzati numerosi adattamenti videoludici, oltre a una serie a fumetti firmata Marvel. Da segnalare che il film sarà proiettato in pellicola 35mm, copia originale dell’epoca.

Dune 0

Infine in programma il recente adattamento di Denis Villeneuve, presentato Fuori Concorso alla 78. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica della Biennale di Venezia. Un’opera remake vincente, che ha ottenuto un risultato incredibile al box office, interpretata da Timothée Chalamet, Rebecca Ferguson e Oscar Isaac.