© EX NIHILO 2019

Gloria Mundi, Ariane Ascaride svetta nel film corale di Robert Guédiguian

© EX NIHILO 2019

Premiato con la Coppa Volpi per la migliore attrice ad Ariane Ascaride alla 76. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia, giovedì 13 maggio arriva al cinema Gloria Mundi, il nuovo, emozionante racconto corale che riunisce la grande famiglia del cinema di Robert Guédiguian, già autore di film amatissimi sia in Francia che in Italia, come Marius e Jeannette e La Casa Sul Mare. Oltre ad Ariane Ascaride, il film è ancora interpretato da Jean-Pierre Darroussin, Gérard Meylan, Anaïs Demoustier, Robinson Stévenin e Lola Naymark.

Il film

Dopo aver scontato una lunga condanna, Daniel (Gérard Meylan) esce di prigione e torna a Marsiglia. Sylvie (Ariane Ascaride), la sua ex moglie, l’ha avvertito che è diventato nonno: Mathilda (Anaïs Demoustier), la loro figlia, ha infatti dato alla luce Gloria. Il tempo è passato, e ognuno si è fatto o rifatto una vita. Andando a conoscere la bambina, Daniel scopre una famiglia che lotta in ogni modo per restare in piedi: quando un colpo del destino spezza questo fragile equilibrio Daniel farà di tutto per aiutarla.

Gloria Mundi 1 © EX NIHILO 2019

© EX NIHILO 2019

Robert Guédiguian racconta..

Per parafrasare Marx, ovunque regni, il neocapitalismo ha schiacciato relazioni fraterne, amichevoli e solidali, e non ha lasciato altro legame tra le persone se non il freddo interesse e il denaro, annegando tutti i nostri sogni nelle gelide acque del calcolo egoistico. È ciò che questo racconto sociale vuol mostrare attraverso la storia di una famiglia fragile come un castello di carte. Ho sempre pensato che il cinema dovrebbe commuoverci, a volte presentandoci un esempio del mondo come potrebbe essere, altre mostrandoci il mondo così com’è. In breve, abbiamo bisogno sia di commedie che di tragedie per continuare a mettere in discussione il nostro stile di vita. E dobbiamo continuare a interrogarci più che mai in questi tempi difficili, per non soccombere all’illusione che ci sia qualcosa di naturale nella società in cui viviamo“.