La Casa In Fondo Al Lago 0

La Casa In Fondo Al Lago, alla scoperta delle nostre paure profonde

Alexandre Bustillo e Julien Maury hanno scritto e diretto La Casa In Fondo Al Lago, un angosciante thriller subacqueo – da giovedì 5 agosto al cinema – con protagonisti Camille Rowe e James Jagger.

Il film

Tina (Camille Rowe) e Ben (James Jagger) sono una coppia di giovani youtuber specializzati in video di esplorazione subacquea. Durante le immersioni in un remoto lago francese, scoprono una casa sommersa in acque profonde. Quella che inizialmente era una scoperta unica si trasforma presto in un incubo quando capiscono che la casa era teatro di crimini atroci. Intrappolati, con le loro riserve di ossigeno che calano pericolosamente, Tina e Ben si rendono conto che il peggio deve ancora venire: non sono soli in casa.

Alexandre Bustillo e Julien Maury

Vi presentiamo qui di seguito un estratto dell’intervista rilasciata dai registi e sceneggiatori del film, Alexandre Bustillo e Julien Maury.

Come vi è venuta l’idea di girare un film su una casa infestata sott’acqua?

Alexandre Bustillo: Julien e io amiamo fare passeggiate insieme e scambiarci idee mentre camminiamo – ed è così che è nato il film. In una particolare passeggiata, ci siamo resi conto che entrambi amavamo i film sulle case stregate e i film ambientati sott’acqua e che volevamo combinare le due cose. 
Julien Maury: Ci piace quando mondi improbabili si scontrano, è un approccio che è stato spesso una forza trainante per noi. Prendiamo idee e mettiamo insieme elementi che non sono una combinazione scontata. 

La Casa In Fondo Al Lago 1

L’acqua è spaventosa e opprimente, ma può anche essere rassicurante e avvolgente.

AB: Questo è esattamente il motivo per cui eravamo visivamente interessati all’acqua! L’acqua nel cinema è affascinante perché è onirica, quasi magica, e senza aggiungere nulla, possiamo catturare la materia, una luce diversa, particelle sospese. A livello simbolico, l’acqua fornisce un ambiente confortevole che evoca il grembo materno, ma allo stesso tempo provoca ansia e rappresenta un pericolo
onnipresente.
JM: È anche un elemento che viene sfruttato relativamente poco nel cinema – non ci sono molti film che si svolgono sott’acqua. Quelli che esistono sono spesso realizzati utilizzando immagini artificiali perché è molto difficile girare sott’acqua. Per noi è stato affascinante confrontarci con queste sequenze perché anche con il suo lato rassicurante, come ha detto Alex, l’acqua non è un elemento naturale per gli esseri umani. Certo, abbiamo giocato su questo aspetto: il film si apre con una scena in una vasca da bagno che evoca proprio il piacere dello stare nell’acqua, e il film stesso parla di una discesa agli inferi in fondo a un lago! La casa, una creatura malvagia con una volontà propria, incarna ciò che si trova sotto la superficie dell’acqua: misteri che ci terrorizzano.

Siete riusciti a collegare questo concetto ai temi di grande attualità degli youtuber e dei social network…

AB: In realtà, quello era più un contesto che derivava dal processo di scrittura e sviluppo dei personaggi. Nelle fasi iniziali, non avevamo in mente scene sulla terra: la storia iniziava sott’acqua e i personaggi comunicavano nella lingua dei segni. Era un concept film, radicale, senza dialoghi. Tuttavia, ci siamo subito resi conto che era troppo estremo e che avremmo dovuto fare delle concessioni, comprensibilmente. È stato allora che abbiamo iniziato a sviluppare i personaggi. E come giustifichi il fatto che siano forniti di telecamere e seguiti da un drone? Trasformandoli in youtuber amanti dell’urbex che filmano tutto! Noi non apparteniamo alla generazione YouTube, che deve filmarsi costantemente, ma i nostri personaggi sì – ci è sembrato logico che dovessero stare attaccati ai social network per legittimare il loro lato esibizionista.
JM: È diventato parte integrante del film che, in termini assoluti, ha giocato un ruolo positivo nello sviluppo dei personaggi. Nella nostra idea originale, non avevano una storia passata e nemmeno un nome, quindi abbiamo dovuto lavorarci sopra, definirli.

La Casa In Fondo Al Lago 2

Ben, il protagonista, gioca continuamente con la paura, come se volesse riscoprire le paure primitive dell’infanzia…

JM: Fondamentalmente, lui è piuttosto infantile. Reagisce impulsivamente, torna sulla sua decisione originale quando vede che Tina non è d’accordo. È un ragazzo istintivo che vuole divertirsi. Quello che abbiamo trovato interessante di lui è che il suo lavoro è guidato dal desiderio di sensazionalizzare e creare immagini che soddisfino un pubblico. Non lo abbiamo trattato con cinismo, ma come una persona che reagisce sul momento. Usa ogni evento che accade nella casa, o intorno ad essa, come elemento narrativo per il film che sta realizzando. Ma non è
un calcolatore, è piuttosto sincero, anche se un vero opportunista. Ed è davvero entusiasta, è elettrizzato per tutte le immagini folli che stanno riprendendo. Ed è questo che rende toccante il suo personaggio.

E Tina invece?

JM: È facile identificarsi con lei perché vive una dinamica ambivalente, come tutti noi. È spaventata a morte e consapevole dei suoi limiti fisici, ma allo stesso tempo è tentata di seguire Ben perché sente che questa è un’opportunità unica. Inoltre, è in vacanza con il suo ragazzo e quindi naturalmente vuole passare del tempo con lui e renderlo felice. Volevamo che il suo personaggio fosse davvero umano, pieno di contraddizioni, spinto dal richiamo dell’avventura. È come tutti noi: controllata da istinti di sopravvivenza che la mettono in allarme e, allo stesso tempo, presa dal desiderio di esplorare e affrontare il pericolo.

La Casa In Fondo Al Lago 3

Quali sono stati i vostri riferimenti cinematografici?

AB: Anche se mi viene in mente Gravity e adoriamo il film di Cuarón, il nostro riferimento principale era In Dreams di Neil Jordan. Quel film si apre con una sequenza subacquea in un villaggio sommerso, con due sub. Ne siamo sempre stati affascinati, la nostra linea di pensiero è stata: “riuscite a immaginare questa scena di apertura che dura più di 1h30?”.
JM: Gravity è un’impresa tecnica mentre noi volevamo esplorare l’esperienza emotiva. L’acqua fornisce una diversa energia viscerale. Più che un susseguirsi di avventure, era l’esperienza sensoriale che cercavamo, soprattutto perché l’elemento acquatico porta una vera e propria claustrofobia.