Omicidio Nel West End 0

Omicidio Nel West End, l’esordio di Tom George, il meta-giallo nella Londra anni ’50

Nel West End di Londra degli anni Cinquanta, i piani per una versione cinematografica di un’opera teatrale di successo – Trappola Per Topi – subiscono un brusco arresto dopo l’omicidio del regista hollywoodiano che avrebbe dovuto dirigere il film. Su questo ruota la trama di Omicidio Nel West End, il film che segna l’esordio alla regia di un lungometraggio di Tom George che sarà nei nostri cinema da giovedì 29 settembre. A comporre il cast, sono: Sam Rockwell, Saoirse Ronan, Adrien Brody, Ruth Wilson, Reece Shearsmith, Harris Dickinson, Charlie Cooper, Shirley Henderson, Lucian Msamati, Pearl Chanda, Paul Chahidi, Sian Clifford, Jacob Fortune-Lloyd, Ania Marson, Tim Key e David Oyelowo.

Il film

Nel West End di Londra, lo spettacolo Trappola Per Topi, in scena da molto tempo, sta riscuotendo un grande successo e così Hollywood viene a bussare alla porta del teatro. L’arrogante regista americano Leo Kopernick (Adrien Brody), che negli Stati Uniti è stato inserito nella lista nera, viene incaricato di trasformare questo giallo teatrale in un film, a partire da una sceneggiatura scritta da Mervyn Cocker-Norris (David Oyelowo). Tuttavia, prevedendo qualsiasi eventualità, la scaltra matriarca del mistero, che qui è chiamata semplicemente la Dama (Shirley Henderson), ha inserito una clausola nel suo contratto: i produttori potranno iniziare a girare il loro adattamento cinematografico soltanto sei mesi dopo l’ultima rappresentazione dello spettacolo.

Mentre veri e propri cadaveri iniziano ad accumularsi dietro le quinte, un cinico investigatore di Scotland Yard, l’ispettore Stoppard (Sam Rockwell), e una novellina entusiasta, l’agente Stalker (Saoirse Ronan), dovranno appianare le proprie divergenze personali per trovare l’assassino. Facendo di necessità virtù, il regista Tom George, lo sceneggiatore Mark Chappell e il resto della squadra hanno girato il film nei teatri e negli hotel di Londra, abbandonati a causa del lockdown dovuto alla pandemia, e hanno creato un tono scherzoso che funge da antidoto ai tempi oscuri e celebra la vitalità del teatro.

Sam Rockwell e Saoirse Ronan (Photo by Parisa Taghizadeh. Courtesy of Searchlight Pictures. © 2022 20th Century Studios All Rights Reserved)

Sam Rockwell e Saoirse Ronan (Photo by Parisa Taghizadeh. Courtesy of Searchlight Pictures. © 2022 20th Century Studios All Rights Reserved)

Lo spettacolo dei record (ancora senza film)

Omicidio Nel West End è un giallo caratterizzato da un umorismo brillante e ambientato sullo sfondo di Trappola Per Topi, probabilmente il giallo più famoso al mondo che mescola elementi reali ed eventi fittizi. Tutto ha avuto inizio quando il produttore Damian Jones ha cominciato a riflettere su quali spettacoli del West End in cartellone da parecchi anni fossero meritevoli di essere trasformati in un film. La sua attenzione è stata catturata immediatamente da Trappola Per Topi, in scena da ben 68 anni. Jones ha svolto delle ricerche per scoprire chi detenesse i diritti e ha scoperto come mai lo spettacolo non era mai stato trasformato in un film.

All’epoca, John Woolf, un produttore di grande successo che nel corso degli anni produsse film come La Regina d’Africa, Il Giorno Dello Sciacallo, e Oliver!, aveva opzionato i diritti di sfruttamento cinematografico dello spettacolo. Jones spiega: “Nel contratto c’era una clausola che diceva ‘potrete realizzare il film sei mesi dopo l’ultima rappresentazione dello spettacolo’, e ovviamente lo spettacolo non smise mai di essere rappresentato. Ho pensato che avremmo potuto realizzare un ‘giallo’ in cui avremmo sabotato la rappresentazione di uno spettacolo ‘giallo’”. Per questo è stato ingaggiato lo sceneggiatore Mark Chappell, che ha affermato: “La cosa grandiosa dei gialli di questo tipo è che ti sembra di conoscere questo mondo anche se non hai visto tutti i film appartenenti al genere. Puoi contare sul fatto che il pubblico si siederà in sala sapendo già come godersi pienamente un giallo”.

Adrien Brody

Adrien Brody

Gli altri omaggi del film 

Il progetto aveva un principio guida: anche se il film sarebbe stato estremamente irriverente e scherzoso, la squadra avrebbe dovuto creare un mistero soddisfacente. “La sceneggiatura era divertente, estremamente geniale e acuta, e possedeva tutta la gamma di elementi comici che amo”, afferma Tom George. Per il regista, dopo aver diretto la serie tv comica This Country, affrontare questo film in costume incentrato su un’icona della letteratura britannica è stato un grande salto nel buio che ha ben superato. Il suo film rende omaggio anche a Un Ispettore In Casa Birling di J. B. Priestly, Il Vero Ispettore Hound di Tom Stoppard e molto altro. “Ci sono tanti piccoli tocchi – conclude George – Spero che, rivedendo il film, gli spettatori possano cogliere tutti questi divertenti riferimenti”.