Ammonite 0

Ammonite, sopra un’onda del mare ci sono Kate Winslet e Saoirse Ronan

Da mercoledì 28 luglio – Eagle Pictures distribuirà in home video Ammonite – Sopra Un’Onda Del Mare, il film diretto da Francis Lee che sarà disponibile in formato Dvd arricchito di due contenuti speciali: il Making of e i Costumi del film. La pellicola è basata su un’emozionante storia vera, ispirata al personaggio realmente esistito della paleontologa Mary Anning, interpretata da Kate Winslet, qui affiancata dalla talentuosa Saoirse Ronan.

Il film

Negli anni ’40 del 1800, la celebre paleontologa autodidatta Mary Anning (Kate Winslet) lavora da sola sulla costa selvaggia e brutale di Lyme Regis, nell’Inghilterra meridionale. Qui va in cerca di fossili comuni per venderli ai turisti per sostentare se stessa e la madre vedova e malata. Quando un turista, Roderick Murchison, arriva a Lyme, incarica Mary di prendersi cura della sua giovane moglie, Charlotte (Saoirse Ronan), che si sta riprendendo da una tragedia personale. Mary, non può permettersi di rifiutare, ma, orgogliosa e implacabilmente appassionata per il suo lavoro, si scontra con la sua ospite indesiderata. Sono donne provenienti da mondi diversi. Eppure, Mary e Charlotte scoprono che possono offrirsi a vicenda ciò di cui hanno bisogno: la consapevolezza di non essere sole. È l’inizio di una storia d’amore pervasiva e appassionata che sfiderà ogni convenzione sociale e cambierà irrevocabilmente il corso della vita di entrambe.

Ammonite – Sopra Un’Onda Del Mare è una storia d’amore incentrata su una figura storica della vita  reale: Mary Anning, una  paleontologa autodidatta che visse sulla costa meridionale dell’Inghilterra nel XIX  secolo. Scoprì fossili che hanno rappresente un importante contributo  per la comprensione  dell’evoluzione. Ma nonostante questo, la Anning ricevette sempre poco credito perché  era una povera donna senza contatti e conoscenze che contavano.

photograph by Agatha A. Nitecka/RÅN studio

photograph by Agatha A. Nitecka/RÅN studio

Kate Winslet racconta…

Mary Anning era  completamente  autodidatta. Da piccola, era una bambina ignorante. Ha imparato a trovare  fossili e, in seguito, a diventare una paleontologa, dal padre che purtroppo è  morto quando lei aveva solo 11 anni. Mary era molto vicina a suo padre. Avevano un  rapporto davvero caloroso, significativo, meraviglioso, forte. E  grazie a lui, era eternamente affascinata dai fossili. Li sapeva identificare, non solo ammoniti, ma anche ossa di  dinosauro“.

Scoprì il  primo ittiosauro quando aveva 11 anni con suo fratello, Joseph. Ci è voluto più di un anno per quello scavo. Era davvero una bambina quando ha scoperto cos’era una coprolite, cioè feci  fossilizzate. E  così, grazie  a Mary, siamo stati in grado di imparare e sapere cosa mangiavano i dinosauri. Quindi  il  suo ruolo in quel particolare campo scientifico è stato davvero significativo. E, naturalmente, quello  che accadde a Maria fu che i suoi ritrovamenti furono comprati da uomini ricchi e più potenti che li reclamarono per conto loro e quindi  si presero il merito. Non si  è mai presa il merito di  niente. In realtà hanno messo il loro nome sui suoi reperti“.

Ammonite 2

Interpretare Mary è stata la mia più grande sfida da attrice. Ero spaventata ogni giorno: i dettagli emotivi di questo personaggio sono molto pochi, e molto sottili. C’erano due emozioni che non mi è stato permesso di mostrare molto spesso nell’interpretarla: quasi nessuna felicità e quasi nessuna tristezza, ovvero nessuna vera lacrima. Per rappresentare la sua relazione con Charlotte ho letto molte loro lettere. Una parte della nostra storia non ritrae questi due personaggi come avessero una relazione amorosa segreta o proibita. È la narrazione che normalizza  ed esprime l’amore tra due persone dello stesso sesso senza esitazione, senza segretezza o paura“.