(©2016 Disney Enterprises, Inc. All Rights Reserved.)

Il Libro della Giungla torna al cinema tecnologico e in 3D

(©2016 Disney Enterprises, Inc. All Rights Reserved.)

Emozione, avventura e mistero nel nuovo film Disney Il Libro della Giungla diretto da Jon Favreau, una rivisitazione – da oggi in sala, anche in 3D e IMAX – in chiave live action dell’indimenticabile classico d’animazione.


La storia, nata originariamente dalla fantasia dello scrittore inglese Rudyard Kipling, narra le vicende di Mowgli, un giovane cucciolo di uomo cresciuto da una famiglia di lupi e costretto a lasciare la giungla quando la temibile tigre Shere Khan, segnata dalle cicatrici dell’uomo, giura di eliminarlo per evitare che diventi una minaccia. Mentre abbandona la sua unica casa, Mowgli s’imbarca in un avvincente viaggio alla scoperta di se stesso, guidato dal suo severo mentore, la pantera Bagheera, e dallo spensierato orso Baloo.

È una storia di formazione che parla di un ragazzino che sta cercando il suo posto nel mondo – spiega il produttore Brigham Tayloruna storia universale che ora abbiamo rinnovato dal punto di vista tecnologico e, grazie alle nuove tecniche, per la prima volta abbiamo realizzato proprio la visione di Kipling: un bambino vero in una giungla vera con animali veri che però sono anche in grado di parlare con lui. L’avventura è reale, gli eventi si susseguono in una escalation, ma allo stesso tempo il film è pieno di calore e umanità”.

Mowgli e Gray (foto ©2015 Disney Enterprises, Inc. All Rights Reserved.)

Mowgli e Gray (foto ©2015 Disney Enterprises, Inc. All Rights Reserved.)

Diretto da Wolfgang Reitherman, il classico d’animazione dei Walt Disney Animation Studios Il Libro della Giungla, uscì nelle sale americane nel 1967 e divenne un grande classico, conquistando in tutto il mondo generazioni di fan che adorano Mowgli e i suoi amici e nemici animali.

Da bambino ero colpito dal legame fra Mowgli e Baloo”, racconta Favreau. “Mi ricordava il rapporto con mio nonno che è stato importante nella mia vita. Mi piace che Mowgli sia un ribelle, che si metta sempre nei guai. E’ un bravo bambino, ma un po’ precoce. Non si lascia intimidire dai grandi animali selvaggi”. Secondo il regista “Il Libro della Giungla racconta la nascita di un eroe, il percorso di maturazione di un ragazzino cresciuto nella giungla, circondato da una galleria di personaggi che diventano archetipi. Per un filmmaker, questo è un terreno molto fertile”.

Baloo e Mowgli (foto ©2106 Disney Enterprises, Inc. All Rights Reserved.)

Baloo e Mowgli (foto ©2106 Disney Enterprises, Inc. All Rights Reserved.)

Un fan Disney noterà la cura dei dettagli e le citazioni che fanno onore al film originale”, conclude il regista. “Un bambino che per la prima volta vede Il Libro della Giungla potrebbe dimenticare di sgranocchiare i popcorn perché  trasportato in un’avventura divertentissima”.