Innocente 0

CAMERABOOK – Innocente, il racconto senza filtri di Gérard Depardieu

Innocente 1Sabato 24 settembre Gérard Depardieu sarà a Roma – ore 18 alla Libreria Feltrinelli in Galleria Alberto Sordi 33 (Piazza Colonna) – per presentare Innocente, il libro da lui scritto (Edizioni Clichy). Insieme all’attore, interverrà il giornalista Malcom Pagani. Con Innocente, Gérard Depardieu si racconta in un flusso travolgente in cui parla della sua vita e delle sue emozioni senza risparmiare nessuno, soprattutto il potere in tutte le sue forme, e in particolare quello delle grandi case di produzione cinematografiche e televisive. Senza peli sulla lingua, Depardieu fa nomi e cognomi, espone la sua rabbia, ricorda il suo passato, gli amici dei tempi lontani, e quelli di oggi. Più che difendersi, si confessa, e sviscera i suoi pensieri sulla religione – per due anni si è convertito all’Islam – sulla politica, sull’ipocrisia dei media e della politica, sul suo rapporto con Putin, con il cibo e con l’alcool, sulla morte, sui figli, sui suoi amori. Non un’autobiografia quindi, ma piuttosto una sorta di «orazione» per raccontare finalmente e completamente la propria complessa e contraddittoria interiorità.

Gérard Deparidieu

Gérard Deparidieu

“Sono sempre riuscito a trovare dentro di me una forza, la forza della vita, il mio amore per la vita e per gli altri. Ciò che conta è davvero l’energia. E l’energia è semplicemente non avere paura. È guardare la gente dritto negli occhi con amore. La bellezza che è nell’anima è sempre nello sguardo. È lo sguardo che parla. Ci sono sguardi più o meno pesanti, ma uno sguardo deve sapere reggere. Niente è più bello e più stimolante di guardare l’anima dell’altro”.

Gérard Depardieu