Lucca Comics Changes 0

#CAMERACOMICS – Quando Lucca cambia… per non cambiare

In questo finale di ottobre esordisce Lucca Changes, la versione digitale della classica Lucca Comics & Games, la fiera dell’intrattenimento forse più seguita, decisamente trasversale tra fumetto, cinema, televisione e videogiochi. Un’edizione completamente rinnovata per far fronte alle difficoltà di questa emergenza sanitaria che stiamo affrontando ancora oggi. Delocalizzata e completamente digitale, propone un nuovo modello di partecipazione per cambiare forma, senza cambiare natura.

Lucca Comics Changes 1

Che cos’era Lucca Comics…

Lucca è una deliziosa cittadina toscana, incorniciata da mura cinquecentesche e ricca di piazze e viuzze in cui è fantastico perdersi nell’esplorazione. Una volta ogni anno la magia di questo luogo si accende ancora di più di una vitalità colorata e roboante: professionisti del settore, ingegnosi cosplayer, appassionati o semplici curiosi. Tendoni e palazzi storici diventano un punto di ritrovo per ogni settore dell’industria, in un fitto calendario di presentazioni, interviste, workshop, esibizioni e sessioni di gioco. Per il settore dell’intrattenimento è un evento paragonabile al Natale. Atteso ogni anno, visitato con assiduità in ogni edizione, ricco di creatività ed entusiasmo. Questa era Lucca Comics fino al 2019. Ma quest’anno?

…che cosa diventa nel 2020

Un anno duro richiede decisioni dure. Lucca non poteva fermarsi, ma doveva trovare nuovi modi per far sentire la sua voce. Sono state provate varie strade che preservassero la dimensione fisica, cercando di aprirsi al massimo del suo pubblico attraverso il digitale, ma alla fine quest’ultimo ha prevalso, così da rispettare i vincoli necessari per il distanziamento e il rispetto di tutte le norme governative. Il sito web LuccaChanges.com è l’hub di tutti gli eventi, fruibili gratuitamente online su RaiPlay e sui canali Rai, in streaming su YouTube per raggiungere al meglio il suo pubblico. Quest’anno potremo seguire tutte le oltre 200 dirette… dal divano di casa, ormai davvero il centro della nostro consumo crossmediale in questo tempo di (semi) lockdown. Ma Lucca è fondamentalmente una fiera dove i suoi prodotti – non solo fumetti – si vendono. E per questa fase si è scelto di puntare sul gigante dell’online Amazon, con una sezione dedicata dalla piattaforma di e-commerce con albi, libri, film e merchandise, sia soprattutto sui “campfire”, una rete di 115 fumetterie specializzate che hanno aderito all’iniziativa, con le novità editoriali a disposizione del pubblico, pronti per essere acquistati sul momento. Come durante la fiera… o quasi.

LuccaDreamers

Sognando il festival

Il lancio di quest’edizione è stato preceduto da iniziativa voluta da Roberto Recchioni, poliedrico autore, sceneggiatore e attualmente curatore di Dylan Dog per Bonelli. Un template come una tela vuota, un poster in bianco con la scritta “Dreams On!“, Il più semplice e più immediato invito a creare e condividere la propria idea della manifestazione, rivolto a tutti. Dieci “dreamers” ufficiali che hanno dato il via alle danze, e oltre 500 manifesti creati da altri professionisti e appassionati, che sono serviti a promuovere idee, visioni e anche una nuova progettualità, dal “Covidio” di Leo Ortolani per esorcizzare questo periodo, alle proposte di Sio e Fumettibrutti sul tema dell’inclusività, ma anche le opere delle superstar del fumetto come Gigi Cavenago, Teresa Radice e Stefano Turconi, Fraffrog, Zerocalcare e molti altri ancora. Tutte le locandine sono diventate poi una mostra fisica al Palazzo Ducale di Lucca ma soprattutto – oggi decisamente più accessibile – una sezione dedicata del sito web, www.luccachanges.com/it/poster-wall di cui vi invitiamo a scorrere tra le tante proposte creative e scegliere il vostro Dreame preferito.

Quale senso ha Lucca oggi?

Lucca Comics è nata come fiera del fumetto, ma nel frattempo è diventata qualcos’altro. La parte ludica di giochi di società o di ruolo prima, e i videogame poi, ha assunto un ruolo molto più ampio, ben simbolizzato da tutti i metri quadri del tendone dedicato che da sempre occupa l’enorme prato delle Mura, e si guadagnato il posto anche nel titolo della manifestazione con l’aggiunta ” & Games” non a caso. Ovvio che cinema e televisione hanno seguito questa tendenza e le case di produzione e distribuzione – inclusi Netflix e Amazon Prime nelle ultime edizioni – hanno aggiunto i loro stand ed anteprime, arricchendo ancor di più il richiamo e il magnetismo di questa manifestazione. L’edizione 2019 ha sfiorato il record di 270mila visitatori, che oggi si sentono parzialmente orfani di quell’atmosfera. Tante iniziative si sono trasformate a distanza, tanti bisogni stanno cambiando e tante abitudini stanno scomparendo in favore di altre. Visitare una cittadina in frenetica attività, respirare un’atmosfera ricca di voglia di esibirsi e stare insieme, incontrare il proprio autore o attore preferito, acquistare e farsi autografare l’opera di un maestro e guardare in anteprima l’episodio di una nuova serie.

Drawing

Aspettando il 2021…

Quest’anno faremo tutto questo a distanza, con un calendario davvero ricco di eventi che ci terrà comunque incollati allo schermo per tutto il weekend. Ma nel 2021 speriamo che sia tutto diverso…e tutto un po’ uguale a prima. Perché nel raccontare e ripercorrere insieme la manifestazione abbiamo ripensato alle edizioni precedenti, componendo questa lettera d’amore dedicata all’intera Lucca, alla città, al festival, e a che cosa questo rappresenta per tutti noi.

Enrico Banfo