(Foto di Jasin Boland)

Charlize Theron è la Furiosa del nuovo Mad Max – Fury Road di George Miller

(Foto di Jasin Boland)

Sarà da oggi al cinema, contemporaneamente – Fuori Concorso – al Festival di Cannes, Mad Max: Fury Road il film di George Miller che arriva sul grande schermo a trent’anni di distanza dall’ultimo episodio della saga (Mad Max – Oltre la Sfera del Tuono del 1985). Se il regista è lo stesso delle precedenti tre pellicole, il nuovo guerriero post-apocalittico non è più Mel Gibson ma Tom Hardy, affiancato da una inedita ma sempre affascinante Charlize Theron.

Diretto, co-sceneggiato e coprodotto da George Miller, il nuovo capitolo che vede protagonista Max Rockatansky è ambientato in un futuro post apocalittico, girato dalla troupe di Miller tra Namibia, Australia e SudAfrica. Ossessionato dal suo turbolento passato, Mad Max (Tom Hardy) crede che il modo migliore per sopravvivere sia muoversi da solo, ma si ritrova coinvolto con un gruppo in fuga attraverso la Terre Desolata su un blindato da combattimento, guidato dall’imperatrice Furiosa (Charlize Theron). Il gruppo è sfuggito alla tirannide di Immortan Joe, cui è stato sottratto qualcosa di insostituibile. Furibondo, l’uomo ha sguinzagliato tutti i suoi uomini sulle tracce dei ribelli e così ha inizio una guerra spietata.

A 35 anni di distanza dal primo capitolo della trilogia (Interceptor) con protagonista Mel Gibson, l’ormai settantenne George Miller ha puntato su un film che mescola adrenalina pura e azione, dalla prima scena all’ultima.

Tom Hardy (Foto di Jasin Boland)

Tom Hardy (Foto di Jasin Boland)

Il film, visto in anteprima a Los Angeles, sarà molto atteso oggi a Cannes. Un film che George Miller desiderava girare già da quindici anni: “ci pensavo dal 1999, ma ci ho messo 15 anni per farlo – rivela il regista – Dovevamo girarlo con Mel Gibson nel 2001, eravamo ancora lontani dalle riprese ma stavamo preparandoci, e poi è successo l’11 settembre, il dollaro americano è crollato, il budget si è ingigantito… Quando siamo tornati a pensare a Mad Max erano successi un sacco di casini personali nella vita di Mel. Ma quando ho visto Tom mi ha fatto pensare a Mel da giovane, ecco perché l’ho voluto“.

A sostituire Mel Gibson è stato Tom Hardy che ha ricordato il suo predecessore: “Avevo sei anni quando è uscito il primo Mad Max , non era il genere di film in cui mi identificavo. Ma quando George mi ha detto del ruolo, ho incontrato Gibson, mi ha dato la sua benedizione, mi ha passato il testimone, e questo mi ha convinto. Anche lui mi ha detto che si è rivisto giovane in me: forza e fragilità, disciplina e rabbia, determinazione e insicurezza“.

Charlize Theron (foto di Jasin Boland)

Charlize Theron (foto di Jasin Boland)

In un futuro distopico, cupo, vuoto e malato, sono le donne che troveranno la forza di reagire, a cominciare da Furiosa che per Charlize Theron è “una donna a cui non interessa essere donna, è una guerriera, indomita, perfino più di Max. Doveva avere i capelli così, a spazzola, è androgina“.

“In questa terra desolata sono colui che fugge sia dai vivi che dai morti. Un uomo ridotto a un singolo istinto: la sopravvivenza”

Mad Max – Fury Road