Photo Credit: Sergej Radovic.

Crawl, da Sam Raimi la trappola con gli alligatori

Photo Credit: Sergej Radovic.

La genialità di Sam Raimi, qui in veste di produttore, sposa la regia del francese Alexandre Aja dando vita a Crawl – Intrappolati, un horror claustrofobico e adrenalinico che uscirà nelle nostre sale il 15 agosto.

Il film

Quando un enorme uragano colpisce la sua città natale in Florida, Haley (Kaya Scodelario) ignora gli ordini di evacuazione per cercare il padre scomparso (Barry Pepper). Trovandolo gravemente ferito e bloccato in un’intercapedine della loro casa di famiglia, i due restano rapidamente intrappolati e sommersi. Mentre il tempo stringe e fuori la tempesta è sempre più forte, Haley e suo padre scoprono che il livello dell’acqua che sale è l’ultimo dei loro problemi.

Kaya Scodelario. Photo Credit: Sergej Radović.

Kaya Scodelario. Photo Credit: Sergej Radović.

Gli alligatori

Barry Pepper e Kaja Scodelario, sono i protagonisti assoluti di questa storia assieme agli alligatori, la principale minaccia nel film. Enormi rettili in grado di muoversi perfettamente sulla terraferma e capaci di una manovra rotante ineludibile chiamata “death roll” per sottomettere e smembrare la preda. Hanno una naturale visione notturna, possono rintracciare le prede nell’oscurità totale e hanno ben 80 denti affilati come rasoi. Il loro morso è uno dei più potenti del regno animale, con una forza di 2,125 psi (Poundforce per pollice quadrato). Possono raggiungere una velocità di 45 Km/h in rush estremamente brevi (si stancano facilmente), mentre in acqua possono nuotare a 40 Km/h senza stancarsi. L’alligatore medio è lungo 3 metri, ma può crescere fino a 4 metri e mezzo e pesare fino a 450 kg. La maggior parte delle prede viene digerita in due o tre giorni perché hanno gli acidi dello stomaco con un pH inferiore a 2, pari al succo di limone e all’aceto. Gli alligatori sono in circolazione da oltre 37 milioni di anni. Ora stanno per arrivare al cinema.