THE HIGH NOTE

Dakota Johnson è L’Assistente Della Star, la musica femminile di Nisha Ganatra

Dal 26 giugno, al cinema e in versione noleggio (in digitale), è disponibile alla visione L’Assistente Della Star, il film scritto da Flora Greeson e diretto da Nisha Ganatra. Protagonista del film è Dakota Johnson, affiancata da Tracee Ellis Ross, Kelvin Harrison Jr., Ice Cube, Zoe Chao, Eddie IzzardBill Pullm. Ambientato nella sfavillante scena musicale di Los Angeles, la pellicola è una commedia moderna al femminile che parla di talento, resistenza e il potere della musica di riunire le persone.

Il film

Grace Davis (Tracee Ellis Ross) è superstar della musica di Los Angeles il cui incredibile talento ha conquistato numerosi riconoscimenti e l’adorazione di generazioni di fan. Ad esaudire ogni sua richiesta è la devota assistente personale Maggie (Dakota Johnson), che passa le sue giornate in giro per la città a fare commissioni, ma aspira ancora a diventare produttrice nello spietato mondo musicale, dominato da sempre dagli uomini. Dai confini dell’appartamento che condivide con la sua intrepida compagna di stanza Katie (Zoe Chao), Maggie sta segretamente perfezionando un proprio mix dei successi live di prossima pubblicazione di Grace, convinta che la sua ostinata etica lavorativa e la sua devozione per gli elementi classici del sound di Grace porteranno a buoni risultati.

Le sue convinzioni vengono però messe alla prova quando incontra il talentuoso musicista David Cliff (Kelvin Harrison, Jr.): mentre scrivono e registrano insieme del nuovo materiale, Maggie si ritroverà divisa tra il perseguimento della sua passione e il suo impegno nei confronti di Grace. Le cose arrivano al culmine quando il manager di Grace (Ice Cube) propone alla cantante un’opportunità che potrebbe dare una svolta alla sua carriera, e Grace deve affrontare una decisione le cui conseguenze potrebbero cambiarle la vita. Ne seguiranno una serie di sorprese che nemmeno la super preparata assistente avrebbe potuto prevedere: eventi volti a cambiare per sempre la vita di Maggie e Grace.

Credit: Glen Wilson / Focus Features

Credit: Glen Wilson / Focus Features

Nisha Ganatra racconta…

L’Assistente Della Star è una storia sull’importanza di segue i propri sogni e sui rischi che si devono correre. Fin dalla prima lettura della sceneggiatura di Flora Greeson, non ho avuto dubbi sul film che avrei voluto fare, perché racchiudeva tutti gli elementi che amo. È la storia del rapporto tra due donne molto diverse, talentuose ed inflessibili, ma anche divertenti e imperfette. Mostra uno spaccato particolare del settore dell’intrattenimento, e di quanto duro lavoro e sacrificio siano necessari per raggiungere il successo e mantenerlo, specialmente per le donne – e soprattutto ad una certa età”.

Inoltre ero entusiasta di poter raccontare la storia di due donne, Maggie – che cerca di entrare in un mondo che non prende sul serio le donne – e Grace Davis – un’icona della musica che lotta per rimanere in un campo che mette da parte le donne quando arrivano ai 40 anni. Adoro i film dove le protagoniste femminili, malgrado venga loro consigliato di non prendersi dei rischi ed accontentarsi dei traguardi raggiunti, finiscono invece per osare, ottenendo grandi soddisfazioni, in un ambito che in precedenza ha celebrato solo il successo degli uomini. La storia di una donna che mette tutto in gioco per una carriera che sogna, è qualcosa che non vediamo dai tempi di Dentro la notizia, Una donna in carriera e Il diavolo veste Prada. Inoltre, solitamente i film musicali sono sempre incentrati sul punto di vista maschile, quasi mai su Donne, tantomeno Donne di Colore, e raramente si presentano come una commedia”.

Credit: Glen Wilson / Focus Features

Credit: Glen Wilson / Focus Features

Adoro questo film perché è DIVERTENTE far parte del mondo della musica, ed è DIVERTENTE essere un artista, e voglio che questo film ispiri le persone a seguire i loro sogni, e stimoli le nuove generazioni femminili di occuparsi della produzione, oltre certamente a sognare di essere sul palco come le star. Solo 3 donne (Janet Jackson, Mariah Carey e Linda Perry) sono state nominate nella storia dei Grammy come ‘Producer of the Year’, ma il numero è in aumento: spero che questo film faccia luce anche sulle nuove aspiranti”.

Spero che questo film ispiri le donne a lavorare sodo e ad inseguire i propri sogni, anche quando il mondo ti fa credere di non essere all’altezza. Amo il fatto che Maggie voglia diventare una produttrice, e spero possa dare ispirazione ad una generazione di produttori discografici di sesso femminile, perché al momento non ce n’è quasi nessuna. Oltre al sogno comune di stare su un palco con l’adorazione dei fan, vorremmo che si guardasse all’ambizione di far parte del processo creativo. L’ispirazione spero arrivi anche ai membri dell’industria discografica, che si rendano conto che le donne over 40 hanno cose interessanti da dire e meritano il giusto spazio”.

Credit: Glen Wilson / Focus Features

Credit: Glen Wilson / Focus Features

In questo strano periodo di pandemia, spero che L’Assistente Della Star porti un po’ di allegria nelle nostre vite. Penso che sia importante raccontare storie che enfatizzino come tutti noi traiamo dei benefici nel dare il meglio di noi, e nel sostenerci a vicenda, anche se ci sono ostacoli da superare (e ce ne sono sempre). Spero inoltre che il film porti un po’ più di gioia nel mondo, con grandi performance, molte risate e della musica indimenticabile. Perché nulla è più salutare per lo spirito delle belle canzoni e le risate”.