NY Academy 0

Freedance, al cinema si balla con la New York Academy di Michael Damian

L’accademia di musica e danza più famosa di New York sta per tornare: siete pronti a ballare? È in arrivo nelle sale italiane, il prossimo giovedì 13 settembre (distribuito da Videa), New York Academy – Freedance, il colorato e dinamico dance movie diretto da Michael Damian che celebra la danza, sequel del già noto New York Academy, uscito nel 2016. Passione, amicizia, amori e tradimenti prendono vita con le coreografie del premio Emmy, Tyce Diorio. Straordinari gli attori, la Star Disney Thomas Doherty, Harry Jarvis, Juliet Doherty e Jane Seymour.

In New York Academy – Freedance, troveremo personaggi completamente nuovi e una storia ancor più entusiasmante: giovani artisti che, per realizzare i loro sogni, sono disposti a tutto, anche a sacrificare l’amore. La trama: Zander Raines (Thomas Doherty) è un affascinante e passionale giovane coreografo che innesca inconsapevolmente la gelosia del pianista Charlie (Harry Jarvis), quando sceglie la straordinaria ballerina contemporanea Barlow (Juliet Doherty) come musa ispiratrice del suo nuovo spettacolo di Broadway: Free Dance.

New York Academy – Freedance porta in sala un’energia pazzesca tra musica d’avanguardia e balli spettacolari, con oltre 60 ballerini da Londra, Parigi e New York per un film che rinnova il successo di Step Up e New York Academy.

NY Academy 1

Michael Damian, oltre che a dirigerlo, ha anche sceneggiato e prodotto il film con la moglie Janeen. Insieme hanno realizzato una nuova storia che, a passi di danza, va dal romanticismo al sacrificio, ricca di colpi di scena. I Damian hanno nuovamente ottenuto anche più di quello che avevano sognato: “speriamo che il film possa ispirare i giovani a lavorare sodo, fare del loro meglio, e credere in se stessi – concludono Michael e Janeen – anche se non si raggiunge il successo come ballerino, quello che si impara dall’arte lo si porta in tutto ciò che si fa nella vita”.

“La danza è una lingua internazionale che attraversa tutti i confini e le frontiere”.

Michael Damian