Fuori Fuoco img 21

Fuori Fuoco, il primo film girato in carcere da sei detenuti

Domenica 15 aprile alle ore 11, in occasione della XII edizione del Festival Internazionale del Giornalismo di Perugia, presso il Cinema Postmodernissimo ci sarà l’anteprima assoluta di Fuori Fuoco, il primo film girato all’interno di un carcere dai detenuti stessi. Per la prima volta in Italia, nel carcere di massima sicurezza di Terni, grazie alla visione di Chiara Pellegrini, la giovane Direttrice, e il permesso del Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria, Erminio Colanero, Rosario Danise, Thomas Fischer, Rachid Benbrik, Alessandro Riccardi e Slimane Tali hanno iniziato un progetto sperimentale: dopo aver imparato a usare una telecamera, hanno girato per alcuni mesi un documentario sulla loro vita.

Fuori Fuoco img 24

Pesanti le condanne: omicidio, rapina a mano armata, traffico di stupefacenti. Sei storie, personalità e nazionalità diverse, stadi diversi della detenzione. Il risultato è Fuori Fuoco, un film dove nulla è stato messo in scena, dove la semplice verità è la dimensione più sorprendente. Molti i cambiamenti in corso d’opera e gli incidenti di percorso: alla fine delle riprese, sfruttando un permesso speciale, Slimane Tali è evaso, scappando nel suo paese, il Marocco, con il quale l’Italia non ha un trattato di estradizione.

Oreste Crisostomi, filmmaker di Terni, durante un cineforum all’interno del carcere ha ispirato i detenuti per la definizione del soggetto del film. Il regista e sceneggiatore Ferdinando Vicentini Orgnani e il produttore Sandro Frezza (Alba Produzioni) hanno accompagnato per quasi tre anni la realizzazione di questo film. Il successivo coinvolgimento di Rai Cinema ha dato il via alla produzione di un vero lungometraggio documentario, la cui versione breve (52’) andrà in onda su Rai 1 nei prossimi mesi.

Fuori Fuoco img 12

Un grande artista, Michelangelo Pistoletto, ha regalato l’immagine emblematica di una sua opera per il manifesto del film (in allegato) proprio per la novità e il per coraggio di questa operazione di “cinema sociale”, che offre un punto di vista potente e inedito. Il prossimo 19 aprile (ore 21), il film sarà proiettato anche a Terni al Cityplex Politeama Lucioli.