borg-mcenroe-0

Gudnason e LaBeouf sono Borg McEnroe, uno scontro tra titani

Fresco vincitore della 12. Festa del Cinema di Roma, giovedì 9 novembre esce al cinema Borg McEnroe, il film diretto da Janus Metz Pedersen con protagonisti Shia LaBeouf e Sverrir Gudnason. La pellicola è il ritratto avvincente, intimo ed emozionante di due indiscussi protagonisti della storia del tennis e il racconto, epico, di una finale diventata leggenda: quella di Wimbledon 1980.


Per la prima volta al cinema una delle più straordinarie rivalità sportive di tutti i tempi che ha cambiato in modo indelebile la storia dello sport mondiale. Da una parte l’algido e composto Bjorn Borg (Sverrir Gudnason), dall’altra l’irascibile e sanguigno John McEnroe (Shia LaBeouf). Il primo desideroso di confermarsi re incontrastato del tennis, il secondo determinato a spodestarlo.

Per me Borg McEnroe è la versione ambientata nel mondo del tennis di Toro Scatenato – racconta Janus Metzci parla di due ragazzi, entrambi in lotta per dimostrare di essere il migliore, per sentirsi importante, per essere qualcuno. Imprigionati nella loro rivalità – una delle più spettacolari nella storia dello sport – hanno finito col fare i conti con loro stessi e con i propri demoni”. Per il regista, entrambi “avevano la speciale capacità di spingersi ai limiti e perfino di superarli. Credo che questa sia una peculiarità della maggior parte di coloro che hanno raggiunto grandi risultati. E, nonostante il mondo li vedesse come i perfetti opposti, avevano questa particolarità in comune, e la riconoscevano rispecchiandosi nell’altro”.

borg-mcenroe-1

Sia Borg che McEnroe “giocavano a tennis come se da questo dipendesse la loro stessa vita – continua Metze, mano a mano che la storia procede, assistiamo a come questi due solitari alla fine abbiano trovato comprensione e amicizia uno nell’altro”. Il film parla di uno scontro tra titani, anche dal punto di vista registico: “mettiamo lo spettatore nei panni di Björn e di John, ma poi abbandoniamo questo spazio saturo e talvolta claustrofobico per riacquistare una prospettiva più ampia che sottolinei l’importanza del match e la dimensione esistenziale della storia” spiega Metz.

Essendo un biopic ispirato alla vita di Björn e John, e in particolare alla leggendaria finale di Wimbledon del 1980, Borg McEnroe rievoca un’era dello sport in cui i giocatori di tennis erano delle “rock star” e in cui John e Björn emergevano come i più grandi. Nonostante nel 1980 fosse solo un bambino, Janus Metz ricorda chiaramente il tennis di quel periodo: “tutta la mia famiglia aspettava la finale di Wimbledon come se fosse la santa omelia alla vigilia di Natale nella cattedrale di St. Paul. Probabilmente io vedevo solo un tipo con una buffa pettinatura che si lamentava e brontolava da una parte della rete e un altro tipo che aveva dei folli scatti di ira dall’altra, eppure in tutto questo c’era una sacralità che ricordo ancora oggi”.

borg-mcenroe-2

Borg McEnroe non era solo una finale sportiva: “adesso so che tutto dipendeva da come quei due atleti fossero stati messi uno contro l’altro – conclude il regista – non si trattava solo di due uomini che giocavano a tennis: si trattava dello scontro tra due continenti, due comportamenti, due caratteri opposti messi uno di fronte all’altro, due modi diversi di essere uomini”.