Herzog Incontra Gorbaciov 0

Herzog Incontra Gorbaciov, un uomo solo ma ancora carismatico

Dal 19 al 22 gennaio 2020 arriva al cinema come film-evento Herzog Incontra Gorbaciov, l’intervista/incontro che ha messo di fronte Michail Gorbaciov, l’ultimo Presidente dell’Unione Sovietica, e una delle più importanti firme del cinema, Werner Herzog. Ad affiancare Herzog in regia è stato André Singer. L’ex capo dello Stato sovietico, oggi 88enne, in questo documentario ripercorre i momenti più importanti della sua vita politica (1985-1991) e privata in quello che può essere definito il suo testamento morale ed esistenziale più autentico.

Il film

Werner Herzog e Michail Gorbaciov. Un maestro del cinema e un gigante della politica, ultimo presidente dell’Unione Sovietica: il risultato è un incontro esplosivo, uno sguardo inedito, lucido e significativo sulla storia del ‘900 e non solo. Complicità e umorismo, uniti all’abilità di Herzog di scavare in angoli inaspettati della vita di Gorbaciov, rendono questi incontri coinvolgenti e al tempo stesso emozionanti. Dall’infanzia contadina agli studi presso l’Università di Mosca, fino alla rapida ascesa nelle fila del Partito Comunista Sovietico, il documentario è un viaggio tra ricordi, materiali d’archivio e testimonianze d’eccezione che consentono, così, di ripercorrere le tappe salienti della politica degli ultimi decenni.

Michail Gorbaciov

Michail Gorbaciov

Werner Herzog racconta…

Incontrare Mikhail Gorbaciov tre volte, durante un periodo di sei mesi, è stata un’esperienza affascinante e illuminante. Ero ansioso di filmare non una semplice biografia, ma di capire il personaggio che si nasconde dietro una figura così importante. Avevo davanti a me un uomo che ha cambiato il corso del ventesimo secolo e le cui azioni hanno trasformato il mondo in cui sono cresciuto; eppure, a Mosca, ho trovato una figura un po’ tragica e solitaria, circondata da persone che lo incolpavano per la perdita dell’Unione Sovietica e per non aver adempiuto alle promesse della Perestrojka e del Glasnost’. Le nostre conversazioni sono state sincere e di ampio respiro: dalla sua rabbia per la mancanza di progressi nella riduzione delle armi nucleari, che aveva iniziato con Ronald Reagan, alle tragedie personali come la perdita della sua amata moglie Raisa nel 1999. La sua intelligenza, il suo carisma e la sua risolutezza sono ancora acuti e illuminanti ed è stato un piacere poter incontrare un gigante così carismatico, un personaggio così significativo per il 20° secolo“.

Gorbaciov tra Herzog (a sinistra) e Singer (a destra)

Gorbaciov tra Herzog (a sinistra) e Singer (a destra)

André Singer racconta…

Questo non è un documentario storico con tutti i suoi stereotipi. Invece di raccontare tutti gli eventi degli anni ’80 e ’90, abbiamo seguito la storia attraverso gli occhi di Gorbaciov. Questo ci ha permesso di conoscere l’umanità che si nasconde i dietro personaggi politici che hanno segnato la fine della guerra fredda, l’unificazione della Germania e i tentativi di porre fine alla proliferazione nucleare. Gorbaciov, alla fine, ha fallito nei suoi tentativi di riformare completamente la vecchia Unione Sovietica, ma il contrasto tra ciò che sta accadendo nel mondo ora e ciò che stava affrontando negli anni ’80 è drammatico. Durante la realizzazione del film siamo rimasti commossi dalla solitudine di quest’uomo che ha dovuto affrontare l’impossibile e che, oggi, è considerato da molti russi come la persona responsabile del crollo dell’Impero sovietico. Ora ha 87 anni, è malato, e vive isolato a Mosca, ma ha ancora tanto da insegnare al mondo. Ha trasmesso tutto questo a Werner nella sua intervista – in particolare sui pericoli delle armi nucleari, tematica per quale sia lui che Ronald Reagan hanno combattuto per trenta anni fa. Entrambi abbiamo avuto il privilegio di ascoltare le sue intuizioni e di poterle condividere in questo film“.