MO_D04_00824.NEF

Johnny Depp veste i baffetti di Mortdecai, l’action movie dalla trilogia di Bonfiglioli

Tratto dall’omonimo romanzo di Kyril Bonfiglioli (Edizioni Piemme), arriva oggi nelle nostre sale Mortdecai, il film diretto da David Koepp con protagonista Johnny Depp. Ad affiancarlo in quest action comedy un cast di stelle: Gwyneth Paltrow, Ewan McGregor, Olivia Munn, Paul Bettany e Jeff Goldblum.

Gestire una torma di russi inferociti, i servizi segreti inglesi, una moglie dalle gambe chilometriche ed un terrorista internazionale non è cosa facile: per riuscirci, l’affabile mercante d’arte  – e criminale part time – Charlie Mortdecai (Johnny Depp) diventa protagonista di una corsa contro il tempo in giro per il mondo, armato solo del suo fascino particolare e della sua bellezza, per recuperare un dipinto rubato, che si dice contenga il codice per accedere ad un conto bancario in cui era stato depositato l’oro dei Nazisti.

Alla schiera di dispettosi farabutti, affascinanti poco di buono e astuti avventurieri interpretati negli anni da Johnny Depp, si aggiunge il personaggio di Charlie Mortdecai, aristocratico inglese,  bon vivant di professione occasionalmente attivo come mercante d’arte, è sempre sull’orlo del lastrico. Il film mette al centro questo carismatico antieroe della popolare trilogia di Kyril Bonfiglioli. Cupi, satirici e dallo stile decisamente British, i romanzi che vedono protagonisti Charlie ed il suo braccio destro Jock Strapp sono spesso paragonati alle folli creazioni di P.G. Wodehouse, le famose storie di Jeeves e Wooster.

Johnny Depp

Johnny Depp

In Mortdecai, Charlie riesce a togliersi da situazioni scomode e allo stesso tempo esilaranti grazie al suo charme, ai suoi escamotage e alle sue truffe, mentre cerca di battere una schiera di supercattivi internazionali nella corsa contro il tempo per impossessarsi di un capolavoro di Goya senza prezzo, che potrebbe essere anche la chiave per mettere le mani su un patrimonio nazista finora inaccessibile.

Il regista David Koepp, che con Depp aveva collaborato nel kingiano Secret Window, spiega perché ha scelto di adattare per il cinema questa storia: “Quando lessi il libro, il personaggio di Mortdecai mi colpì molto, saltò quasi fuori dalla pagina. Il ruolo era disegnato apposta per Johhny”. A scrivere la sceneggiatura è stato Eric Aronson: “sulla quarta di copertina, la trilogia veniva descritta come un incrocio tra P.G. Wodehouse e Raymond Chandler e la cosa mi attrasse immediatamente”.

Gwyneth Paltrow

Gwyneth Paltrow

Il protagonista della trilogia, spiega Aronson, è motivato dalla necessità: “Charlie Mortdecai ha ereditato una vasta magione in campagna, ma è a corto di fortuna e di quattrini. Per rimpinguare le proprie finanze, Charlie diventa un mercante d’arte truffaldino, che usa la sua arguzia per guadagnare denaro attraverso accordi sotterranei. Nel film, Mortdecai e il suo braccio destro Jock Strapp sbarcano in America per impossessarsi indebitamente di alcune opere d’arte”, o, come direbbe Koepp, “Charlie si dedica alla vendita di lavori di dubbia provenienza”.

È un individuo senza scrupoli, ma dal gusto impeccabile”, aggiunge il regista. “È sul lastrico e deve riscaldare quella casa gigantesca, la Mortdecai Manor; per questo, escogita un piano per farlo. La sua area di competenza sono le Belle Arti. Il fatto che le opere d’arte non necessariamente appartengano alla persona che gliele cede o che forse siano dei falsi non lo tange minimamente”.

Charlie Mortdecai

Charlie Mortdecai

Charlie Mortdecai è un fine conoscitore del buon cibo, delle libagioni di qualità, delle belle donne e di tutto ciò che simboleggia la ricchezza d’élite. Inoltre, si ritrova spesso immischiato in faccende di dubbia legalità. Quando l’MI5, il servizio segreto inglese, gli assegna il compito di rintracciare un dipinto di Goya di cui si sono perse le tracce, Charlie spera di estinguere il debito nei confronti della “Regina e della nazione” recuperando l’opera trafugata.

Per il personaggio di Mortdecai, Depp si è ispirato ai più grandi comici della storia del cinema britannico, come Peter Sellers, Sid James, Bernard Cribbins, e soprattutto Terry-Thomas, l’irrefrenabile star dal caratteristico spazio tra i denti che ha costituito la rappresentazione vivente del termine “borghese imbecille” per svariate generazioni.

Johanna e Charlie

Johanna e Charlie

La più grande debolezza di Charlie è l’adorata moglie, Johanna, per cui farebbe di tutto, salvo radersi i suoi eccezionali baffi. Johann, donna fascinosa e bionda mozzafiato, è interpretata dal Premio Oscar Gwyneth Paltrow. Johanna e Charlie sono una coppia dai tempi del college. Lei è piuttosto elegante ed estremamente intelligente, sicuramente più di Charlie. “Charlie non è retto, intelligente, né tantomeno eroico”, sottolinea Koepp. “È un furfante, ed è questo che affascina sua moglie. Charlie la fa ridere, ed è questo che l’ha conquistata. Sono profondamente gelosi l’uno dell’altra e, come in ogni matrimonio di successo, la passione è tenuta viva da un po’ di pepe”.

A minare l’equilibrio della coppia ci pensa l’ultimo accessorio di Charlie: i suoi nuovi baffi. “Charlie si è fatto crescere i baffi mentre Johanna era in viaggio e il mio personaggio ne rimane inorridito”, spiega Gwyneth Paltrow. L’attrice crede che i baffi siano una metafora di quello che sta accadendo nel matrimonio. “Qualcosa sembra non andare ad uno sguardo superficiale, ma c’è molto di più in profondità. Il loro rapporto, tuttavia, è incantevole. Sono molto simili. Si divertono molto e c’è una forte affinità tra loro, che gli ha permesso di restare uniti per così tanto tempo”.

Ewan McGregor è Alistair Martland

Ewan McGregor è Alistair Martland

Nel film, le insicurezze di Charlie vengono esacerbate dall’arrivo di Alistair Martland – interpretato da Ewan McGregor – un vecchio amico dei tempi del college, che ha ancora oggi un debole per Johanna. Martland, oltre ad essere un esponente di primo piano del Servizio Segreto Britannico, è anche un detective dall’animo dolce. Martland, secondo Koepp, per molti versi è molto più adatto per Johanna rispetto a Mortdecai, “È intelligente, eroico e ha una carriera di tutto rispetto”, spiega il regista. “Possiede tutte le virtù che sono tradizionalmente celebrate, ma lei non lo ama”.

McGregor è stato attratto dalla combinazione di battute divertenti e di una commedia di carattere fisico, di più ampio respiro. “Mi ricorda molto i film della Pantera Rosa degli anni Settanta –  dice l’attore – si tratta di un tipo di humour che non si vede sullo schermo da molto tempo. È scritta in modo intelligente. Charlie Mortdecai è eccentrico e possiede un modo di esprimersi molto particolare. È prolisso e ama molto il linguaggio. Vive in un’epoca differente, come se fosse piombato qui dal passato”.

Jeff Goldblum

Jeff Goldblum è Milton Krampf

Da segnalare anche l’interpretazione di Jeff Goldblum nei panni di Milton Krampf, un miliardario Americano descritto da Koepp come un “avido arricchito privo di gusto”. L’attore ha provato a descrivere in poche parole Mortdecai: “È un film del colpo grosso molto elegante e divertente ambientato nel mondo dei ricchi”.